Eventi

Un primo bilancio sulla legge 24 novembre 2023 n. 168, in materia di contrasto della violenza sulle donne. Una tutela più efficace per le vittime di violenza o un nuovo irrigidimento simbolico dell’attività di pubblico ministero e giudice?


L’entrata in vigore, il 9/12/2023, della legge 168/2023 che, dopo il “Codice rosso” del 2019, mette nuovamente mano alla normativa penalistica di contrasto alla violenza di genere e alla violenza domestica, ha posto diversi problemi interpretativi e pratici.


Il potenziamento dell’istituto dell’ammonimento amministrativo ma anche delle misure cautelari ‒ in particolare con l’introduzione dell’arresto in differita e dell’obbligatorietà del braccialetto elettronico per gli ordini restrittivi ‒ e delle misure prevenzione, per arrivare sino alla “velocizzazione” degli affari cautelari e di cognizione e alla formazione specialistica degli operatori di Polizia e della Magistratura, segnano un cambio di passo nel contrasto alla violenza di genere che potrà fare la differenza, oppure rappresentano un ulteriore intervento di segno repressivo destinato, come i precedenti, a non scalfire i numeri sempre più insostenibili della violenza maschile contro le donne? Ne discuteremo nell’incontro online che si terrà


Giovedì 15 febbraio 2024 alle ore 15,00


Intervengono


Dott. Fabio Roia, Presidente del Tribunale di Milano
Dott.ssa Ezia Maccora, Presidente Aggiunta Gip presso il Tribunale di Milano
Dott. Francesco Menditto, Procuratore della Repubblica di Tivoli
Avvocata Valentina Alberta, avvocata penalista del Foro di Milano, Presidente della Camera penale di Milano
Avvocata Francesca Violante, avvocata penalista del Foro di Torino, componente staff legale volontario del Telefono Rosa Piemonte-Torino


Moderano e coordinano


Dott. Domenico Santoro, giudice del tribunale di Milano
Dott. Fabrizio Filice, giudice del tribunale di Milano


Il seminario si svolgerà con collegamento da remoto sulla piattaforma Teams, cliccando sul
seguente link:
https://teams.microsoft.com/l/meetupjoin/
19:5YbNmhdIUSzETXrYKUEmzdkhlDFU4tQxwsK3X1qn1XM1@thread.tacv2/1706518590501?context=%7B%22Ti
d%22:%22792bc8b1-9088-4858-b830-2aad443e9f3f%22,%22Oid%22:%224690e849-0105-4b81-a3b6-
6a05529d5fa3%22%7D


Potrete riconoscere il Team dal nome Legge 24 novembre 2023 n. 168, sul contrasto della violenza sulle donne; 15 febbraio 2024. Vi chiediamo di cliccare “Partecipa” sulla riunione che troverete già avviata.
Per problemi con il collegamento scrivere a domenico.santoro@giustizia.it oppure a fabrizio.filice@giustizia.it

15/02/2024

Articoli Correlati

Primo Seminario

“La riforma della giustizia civile”

PRIMO SEMINARIO, 7 marzo 2024 ore 15:30

Il processo di cognizione di primo grado.

Eventi

Consiglio Nazionale Md


Per sabato 3 febbraio 2024, dalle ore 10 alle ore 17.30, presso la Fondazione Basso in Roma (via della Dogana Vecchia n. 5) e con possibilità di collegamento da remoto, è convocato il consiglio nazionale di Magistratura Democratica, in cui si affronterà il tema: I criteri di selezione dei direttivi e dei semidirettivi da parte del CSM tra discrezionalità e trasparenza delle decisioni: un percorso in cerca di una definizione.

Assemblea nazionale Anm del 26 novembre 2023

Non si può spaccare la magistratura richiamando a sproposito il concetto di imparzialità


Buongiorno a tutti, mi piace esordire in questa assemblea raccogliendo l’invito che in apertura ha fatto il Presidente dell’Anm, Giuseppe Santalucia, quando ha focalizzato l’attenzione sul fatto che gli interventi del Governo in tema di giustizia ma anche alcune esternazioni di esponenti di spicco della maggioranza pongono il tema di una ridefinizione dei confini dei rapporti tra organi della rappresentanza politica e la giurisdizione.

Assemblea nazionale Anm del 26 novembre 2023

Sono un magistrato che viene da una regione remota, il Piemonte


E sono qui, oggi, perché ho due preoccupazioni.

XXIV Congresso

Conflitti e diritti in un mondo in movimento


Napoli, Centro Congressi Stazione Marittima, 10-12 novembre 2023


SEGUI LA DIRETTA DEL CONGRESSO