Unità associativa e rinnovamento

Associazione Nazionale Magistrati

Unità associativa e rinnovamento

L’unità associativa non è un’insegna utile a celare pratiche consociative o ripiegamenti corporativi, ma un valore da perseguire attraverso la condivisione di un progetto di rinnovamento, che porti avanti una riflessione sulle ragioni più profonde della crisi della magistratura, aprendo una nuova fase per l’associazionismo giudiziario. In uno sforzo di riflessione collettiva, critica ed autocritica, che superi atteggiamenti di autoreferenzialità e preoccupazioni tattiche o di parte.

In attesa della convocazione del Comitato Direttivo Centrale, e nell’augurare un buon lavoro a tutti gli eletti, vogliamo affidare alla carta qualche breve considerazione, prendendo le mosse da un obiettivo che nell’ultimo anno abbiamo spesso rivendicato: l’unità associativa.

L’unità associativa è sempre stata un baluardo in tutte le più difficili stagioni della storia politica e giudiziaria d’Italia ed è stata determinante nella formazione di una comune cultura istituzionale e costituzionale della magistratura, contribuendo ad affermarne il ruolo nella società democratica. 

L’unità associativa non è, perciò, l’insegna utile a celare pratiche consociative o ripiegamenti corporativi, ma un valore da perseguire attraverso la condivisione di un progetto di cambiamento, al quale deve essere funzionale.

Oggi vi sono le condizioni perché si realizzi una profonda azione di rinnovamento all’interno della magistratura: siamo convinti che dalla crisi si possa uscire solo ricostruendo una forte identità collettiva intorno a valori condivisi.

Lo abbiamo detto nel corso dell’ultimo anno e sentiamo di doverlo ribadire con più forza dopo queste elezioni: unità, per noi, significa rinnovamento

In questo senso, dobbiamo essere consapevoli che la difesa dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura e la ricostruzione della credibilità della funzione giurisdizionale, e della sua legittimazione democratica, non possono considerarsi esaurite con la sola espulsione di Luca Palamara e con l’accertamento delle responsabilità disciplinari.

Neppure vogliamo accontentarci della narrazione che distingue tra gravità delle colpe e dei comportamenti e accredita purezza solo in alcuni gruppi e non in altri. Riteniamo, infatti, che al centro della crisi vi siano questioni di fondo che coinvolgono tutta la magistratura.

È necessaria, perciò, una ulteriore, profonda attività di analisi e di scavo, che sarà compito dell’Associazione, in tutte le sue componenti, e di tutti i gruppi, al loro interno, portare avanti in maniera convinta.

Molto ancora dobbiamo comprendere, perché soltanto la comprensione delle cause e delle dinamiche profonde delle degenerazioni emerse sarà garanzia del superamento della crisi.

È un risultato che dobbiamo alla democrazia italiana, ai cittadini e ai tanti magistrati che, negli uffici e nelle assemblee di base in cui si sono spontaneamente riuniti, hanno richiesto una immediata correzione di rotta, invocando un rinnovamento, in nome della trasparenza e della partecipazione. 

Crediamo che proprio la partecipazione debba essere la cifra dell’associazionismo, che il nuovo Comitato Direttivo Centrale oggi è chiamato a valorizzare, dando linfa alla discussione e all’elaborazione, al suo interno e in tutte le istanze periferiche.

È necessario aprire una nuova fase per l’associazionismo giudiziario, che dovrà portare avanti la riflessione sulle ragioni più profonde della crisi, in uno sforzo di riflessione collettiva critica ed autocritica, superando atteggiamenti di autoreferenzialità e preoccupazioni, tattiche e di parte, che hanno condizionato scelte e reso poco leggibili alcune decisioni, nello scorso quadriennio.

In quest’ottica, ci chiediamo se non si debba riflettere a fondo sulla soluzione di una rigida e predeterminata rotazione annuale delle cariche.

L’esperienza dell’ultimo quadriennio ci ha dimostrato che questa prassi, anziché rinforzare la logica dell’unità ed essere funzionale – come sempre è stata – alla piena assunzione di responsabilità, può invece sclerotizzarsi ed essere utile a ricondurre l’immagine dell’associazione al patrimonio del gruppo che di volta in volta ne esprime il vertice.  In tal modo non favorisce la partecipazione e quel necessario sforzo di sintesi che, attraverso il dibattito interno, deve essere alla base di un confronto coerente con la politica, in una fase strategica di riforma dell’ordinamento giudiziario e del processo penale.

Inoltre, riteniamo che una rigida e predeterminata rotazione impoverisca la dialettica associativa, degradandola a logica consociativa, in base alla quale la discussione sui contenuti e sulle linee politiche passa in secondo piano, rispetto alla conquista del momento della direzione. 

Riteniamo necessario, dunque, che su tale criterio e sulle sue implicazioni vi sia un momento di confronto serio ed approfondito. 

Rimaniamo convinti che l’unità associativa sia garanzia di massima espressione della dialettica associativa e della sua ricchezza, del confronto dei punti di vista e delle visioni, e di valorizzazione del pluralismo, nella certezza di un comune percorso di intransigenza sugli obiettivi e valori con cui la Costituzione definisce il ruolo della magistratura.

Questi obiettivi e questi valori, a partire dall’indipendenza interna ed esterna, sono l’unico terreno sul quale è possibile il confronto con la politica; un confronto che, a sua volta, esige coerenza e trasparenza, con l’abbandono delle logiche di parte, fondate su schieramenti preconcetti. 

Siamo certi che tutti gli eletti saranno all’altezza dello sforzo, davvero grande, a loro richiesto. 

Buon lavoro.

30/10/2020

Articoli Correlati

Pubblico ministero e Costituzione

Il documento delle Procure e la necessità di un confronto

Il recente documento siglato tra alcuni Procuratori e l'UCPI costituisce un'occasione preziosa per riflettere sui cambiamenti culturali che hanno interessato la magistratura requirente e che ne hanno determinato il progressivo allontanamento dal suo progetto costituzionale di potere diffuso, in favore di un modello individualistico e verticistico, improntato alla logica della performance, della burocrazia e dei numeri.

Il DDL di riforma “Bonafede”

Contrastare la deriva carrieristica con la normalizzazione burocratica?

Il recente DDL “Bonafede” non segna la svolta in funzione del cambiamento culturale richiesto: quello volto a disegnare una magistratura “senza carriera” e una dirigenza non intesa come corpo separato all'interno della magistratura, ma come esperienza diffusa e come funzione reversibile. La riforma delineata dal DDL “Bonafede”, al contrario, rischia di allontanare la magistratura dalla sua fisionomia costituzionale e, al contempo, di trasformare il CSM in un organo di amministrazione e di governo del personale: un primo passo, questo, verso una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario e, dunque, verso la perdita del suo assetto funzionale ad una giurisdizione indipendente.

Una recente decisione del Tribunale di Napoli

Giudici e immigrazione, diritto e non pregiudizio

Un quotidiano attacca la decisione che riconosce la protezione umanitaria per l'emergenza sanitaria nel paese d'origine e accusa il tribunale di Napoli di usare la pandemia come una scusa per "spalancare i porti ai migranti". E la stessa sorte tocca alla nota che commenta il provvedimento. I diritti, però, non possono piegarsi a logiche politiche o di propaganda.

Il progetto di Magistratura democratica

Verso il Congresso

Ritrovare le ragioni dell’unità associativa, ricostruendo un'identità collettiva e plurale; chiamare tutti i magistrati ad un’assunzione di responsabilità per la difesa dei valori della giurisdizione e dell’esperienza unica del nostro associazionismo, vero e proprio motore di democratizzazione della magistratura e baluardo della sua indipendenza; avviare un percorso di riflessione comune sui valori fondamentali dell’etica, della deontologia e della professionalità; condurre un'analisi severa dei cambiamenti culturali che sono alla base di una caduta della tensione ideale, denunciando i punti oscuri ove si annidano i germi delle degenerazioni. Sono questi i tasselli di cui si compone il progetto di Magistratura democratica, per trovare una via di uscita dalla crisi.

Riforme e autogoverno

CSM: una legge elettorale in funzione del suo ruolo costituzionale

Garantire rappresentatività alle diverse idee e visioni che si hanno della giurisdizione, abbandonando le logiche personalistiche; restituire il potere di scelta al magistrato elettore; allargare la partecipazione, smarcandola dall’ipoteca delle correnti; dare cittadinanza alle diverse professionalità, introducendo meccanismi di riequilibrio che assicurino una risposta alla questione, non più eludibile, della corretta rappresentanza di genere. Sono queste le proposte di Magistratura democratica per la riforma del sistema elettorale del CSM, elaborate all’esito di un percorso di riflessione collettiva avviato con il seminario del 3 giugno e proseguito nel Consiglio nazionale dell’11 giugno.