Vento d'autunno

Editoriale

Vento d'autunno


La nostra Newsletter del 17 luglio scorso era aperta da un editoriale intitolato “L’onda di luglio”, dedicato a vicende consiliari che avevano suscitato sconcerto.


Altre ne sono seguite, altrettanto discutibili, e intanto si annuncia, a settembre, l’avvio della discussione parlamentare su una riforma costituzionale proposta dalla maggioranza di governo che nella sua attuale formulazione non solo intende “separare le carriere” (ossessione ultraventennale) ma anche ridurre a un’ombra l’autogoverno della magistratura, introdurre una responsabilità impiegatizia dei magistrati e, in generale, accentuare la deriva burocratica della giurisdizione.

Si sta dunque alzando un vento d’autunno che potrebbe concretamente portare a far cadere le garanzie costituzionali di indipendenza della magistratura.

Se questo dovesse avvenire ciascun magistrato diventerebbe una foglia gialla, rinsecchita, caduta e calpestata, compresi quelli che esitano a prendere posizioni chiare, per quieto vivere a fianco dei decisori politici nella speranza che “facciano i buoni” se non altro con coloro che non hanno dato fastidio.

Nessuna preoccupazione hanno invece mostrato i crica seicento ex magistrati di ogni orientamento che nel volgere di pochi giorni in agosto hanno sottoscritto una dichiarazione chiara e inequivoca contro la separazione delle carriere.

Intanto, al di là di queste vicende, il mondo continua a essere in movimento, animato da conflitti che esigono l’affermazione o la riaffermazione di diritti.

Magistratura democratica dedicherà il suo congresso – che si terrà a Napoli tra il 10 e il 12 novembre 2023 – sia alle vicende interne alla giurisdizione che alle vicende globali dei diritti, nella convinzione che per essere magistrati e cittadini consapevoli si debba rivendicare la possibilità di svolgere il proprio lavoro nelle condizioni migliori e insieme – anche questo scrivevamo a luglio - dedicare tempo, energie, intelligenza, al mondo intorno a sé.

04/09/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti


Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa vita. 

Comunicati

La necessità della pace. La necessità del diritto


Dinanzi a situazioni che violentano e terrorizzano i popoli e scuotono le coscienze e il senso di umanità più elementare, nessuna persona può girare lo sguardo altrove: men che meno i giuristi, per quanto complesse e intricate siano le questioni che chiamano in causa non solo la politica e l’etica, ma anche il diritto, portatore di razionalità, di equilibrio e di moderazione nella regolazione dei rapporti di forza al fine di evitare la deflagrazione e l’aggravamento di conflitti sino ad esiti catastrofici per il mondo intero.

Comunicati

Discrezionalità e regole: quale peso per gli indicatori attitudinali specifici?


Riflessioni a margine della nomina del Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma.

Comunicati

Giudici oggi: ruolo scomodo, ma necessario ad un sano equilibrio costituzionale


La decisione delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione di chiedere la verifica di conformità al diritto UE di alcune norme del decreto Cutro conferma che gli attacchi nei confronti della giudice Apostolico erano privi di senso anche sul piano giuridico. 

dal Consiglio nazionale

La discrezionalità e la forza delle regole: il CSM e la dirigenza giudiziaria


Consiglio nazionale di Magistratura democratica, 3 febbraio 2024

Il Consiglio nazionale di Magistratura democratica ha espresso preoccupazione per la vistosa tendenza alla gerarchizzazione della magistratura, quale premessa per controllarne e indirizzarne l’azione di controllo della legalità e tutela dei diritti, vanificando il principio costituzionale secondo cui i magistrati si distinguono solo per le funzioni svolte.