25 aprile

Magistrati e Resistenza

Storie da non dimenticare

di CARLO BRUSCO

Oggi è il 25 aprile e credo che possiamo celebrare questa ricorrenza anche ricordando i nomi dei magistrati (almeno 16) caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti. Si tratta di Dino Col, Pasquale Colagrande, Francesco Drago, Carlo Ferrero, Mario Finzi, Mario Fioretti, Vincenzo Giusto, Giuseppe Garribba, Cosimo Mariano, Cosimo Orru, Nicola Panevino, Pier Amato Perretta, Pasquale Saraceno, Vittorio Scala e Mario Tradardi oltre al vice pretore di Alba, Viglino. Credo ve ne siano altri e mi scuso per le possibili omissioni. Vorrei però aggiungere il nome di Emilio Sacerdote che non era più magistrato perché si era dimesso volontariamente prima dell’entrata in vigore delle leggi razziali. Sacerdote partecipò alla resistenza e, dopo essere stato catturato, fu deportato prima a Flossemburg e poi a Bergen Belsen dove morì, per gli stenti patiti, qualche settimana dopo essere stato liberato dagli alleati non senza aver dimostrato, durante la sua prigionia, il suo coraggio e il suo valore.

Altri  magistrati (tra i quali Giovanni Colli e Luigi Bianchi D’Espinosa, che nel dopoguerra ricopriranno posizioni di prestigio all’interno dell’organizzazione giudiziaria) abbandonarono il posto di lavoro e si collegarono ai movimenti della resistenza o agli alleati e altri dodici lasciarono il servizio. Gli studiosi ricordano anche che circa cinquanta magistrati collaborarono in vario modo, pur continuando a lavorare negli uffici giudiziari, con le forze della resistenza. Si ricorda ancora che alcuni giudici del Tribunale di Gorizia furono destituiti dall’autorità germanica per essersi rifiutati di applicare la pena di morte secondo le direttive dell’autorità occupante. Del resto generalizzato fu il rifiuto dei magistrati di presta il giuramento di obbedienza alla Repubblica di Salò tanto che il ministro Pisenti prese atto della situazione e sospese l’efficacia del decreto che aveva imposto tale obbligo.           

Queste vicende confermano come, in questo tragico periodo, i giudici (in particolare quelli di merito) non si dimostrarono, in linea di massima, strumento passivo nelle mani del potere e, a rischio della loro stessa vita, cercarono di attuare i principi di legalità che la stessa Rsi non disconosceva in astratto ma che, nella pratica, i suoi aderenti violavano quotidianamente con arresti illegali, esecuzioni, rappresaglie e con atti di violenza compiuti anche nelle aule di giustizia e negli uffici del ministero della giustizia. Vorrei anche ricordare il nome di un magistrato, Emilio Ondei, che, dopo aver fatto parte della redazione della rivista Il diritto razzista, durante il regime di Salò “assumerà posizioni di coraggiosa opposizione ai nazifascisti, annullando, come pretore, arresti illegali e rischiando a sua volta la cattura” (sono parole di G. Scarpari).

Come frequentemente era avvenuto prima della guerra la più parte degli alti gradi della magistratura si adeguò presto, invece, ai principi del nuovo regime prestando il giuramento, collaborando attivamente con esso  e ottenendo posti di prestigio che la carenza di magistrati e la creazione, a Brescia, di tre sezioni della Corte di cassazione (due civili e una penale) aveva reso disponibili. Naturalmente, finita la guerra, i magistrati che avevano occupato i vertici dell’amministrazione giudiziaria della Rsi giustificarono in vario modo la loro adesione al regime  evidenziando gli atti da loro compiuti diretti a proteggere magistrati invisi al regime. Va però ricordato che anche Salvatore Messina, primo presidente f.f. dalla Corte di cassazione di Roma (ancora sotto l’occupazione tedesca) preannunziò al ministro che la grande maggioranza, se non la totalità, dei magistrati della cassazione si sarebbe astenuta dall’aderire all’invito di prestare giuramento al regime.

*(le notizie sono tratte dagli scritti di G. Focardi, P. Saraceno e G. Scarpari)
 

(25 aprile 2014)

27 aprile 2014
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.