La scomparsa

Addio a Sergio Mattone

Il ricordo di Gianfranco Viglietta
(foto di Giorgio Bergami)

ROMA - L’enorme tributo di affetto e rimpianto che lascia Sergio è l’eloquente dimostrazione della sua statura culturale e umana. Sergio ha incarnato al meglio un’utopia in cui molti di noi credevano, ma pochi hanno saputo coerentemente inverare nella loro vita professionale.

La fermezza dei principi, l’adesione appassionata al modello culturale del giudice strumento di legalità e promotore di eguaglianza sostanziale derivante dalla Costituzione, nutrite di costante impegno civile e comprensione umana ne hanno fatto un modello esemplare per molti magistrati della mia generazione e di quelle successive.

Sergio è stato un animatore della vecchia Magistratura democratica, un costante ispiratore del gruppo lavoro della corrente, in cui ha rivestito incarichi di vertice. Ha compiuto una luminosa carriera, è stato eletto al Consiglio Superiore, nominato presidente della sezione lavoro della cassazione. Riconoscimenti, tuttavia mai cercati, ma sempre derivati da unanime consenso e vissuti con puro spirito di servizio.

Raffinatissimo giurista, in rapporto con i migliori lavoristi dell’epoca (da Smuraglia a Ghezzi ad Alleva) ha speso la sua cultura in sentenze esemplari ma anche in innumerevoli convegni, associazioni culturali, articoli su prestigiose riviste giuridiche, sulla stampa di Md, ma anche su giornali, periodici non specializzati, quotidiani. Perché Sergio era un intellettuale permanentemente impegnato nel dibattito culturale e istituzionale, senza alcuno snobismo. Il suo impegno è proseguito anche dopo il suo collocamento in pensione.

Molte riforme in cui aveva profondamente creduto, dalla “giusta causa” per i licenziamenti allo Statuto dei lavoratori, sono state in gran parte smantellate, in un contesto di progressivo prosciugamento dello stato del welfare. Tuttavia il suo impegno resta ancora in gran parte un nobile ed attuale punto di riferimento per la cultura giuridica ed istituzionale del paese.

Sergio era un intellettuale dello stampo di Pino Borrè, di Salvatore Senese e di pochi altri che hanno saputo trasformare la Corte di cassazione da organo conservatore a giurisdizione aperta alle istanze sociali conformi ai principi costituzionali. Nel suo settore la doppia presidenza consecutiva di Salvatore Senese e di Sergio Mattone ha creato una giurisprudenza di forte evoluzione e di garanzia effettiva dei diritti dei lavoratori.

Ma dicevo che Sergio ha incarnato un’utopia: quella del giudice al servizio della collettività, che non crede nella carriera come strumento di autorealizzazione, ma nell’uguaglianza delle funzioni come riflesso della pari dignità sociale dei cittadini. Non gli è stato difficile perché è stato un uomo straordinario per gentilezza d’animo, mitezza, umiltà, appassionata e spontanea partecipazione al dolore e ai problemi degli altri.

Ci ha regalato il piacere di frequentarlo, il piacere della condivisione di affetti, amicizia, solidarietà. Ma anche il gusto della conversazione intelligente, di arte e di cinema, di letteratura e di politica, perché la sua dimensione di giurista non ha mai esaurito i suoi interessi e la sua dimensione intellettuale. La sua cultura, la sua opera di intellettuale e giurista, trasfuse in un numero elevatissimo di scritti, restano come grande eredità per noi e per il Paese. La sua straordinaria umanità, purtroppo, ci mancherà sempre.

Gianfranco Viglietta


(31/10/2015)
                       

1 novembre 2015
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.