Articolo 18

Comunicato Md lavoro

''Solidarietà manifestazione Fiom''

COMUNICATO MD LAVORO

L’art. 18 rappresenta nel nostro sistema un baluardo essenziale per l’esercizio dei diritti dei lavoratori. E’ fin troppo facile immaginare con quale forza i lavoratori potrebbero esercitare i loro diritti, tutti quelli sanciti nelle tante disposizioni di legge, rivendicare il rispetto delle norme di sicurezza, il diritto ai riposi, ad una retribuzione dignitosa, l’esercizio delle prerogative sindacali, se rischiassero di perdere il lavoro, anche senza giusta causa, potendo contare al più su un indennizzo pecuniario. L’art. 18 è in grado di dare una protezione effettiva contro i licenziamenti illegittimi perché attribuisce ai lavoratori il diritto, in caso di recesso ingiustificato, di riprendere il lavoro, di tornare in fabbrica, di essere rimessi nella originaria postazione.

Eliminare l’art. 18 non solo non appare utile a stimolare la crescita e l’occupazione, come dimostrano l’attuale elevato tasso di disoccupazione e la percentuale altissima di flessibilità che ormai caratterizza i rapporti di lavoro, ma rischia di provocare, in uno con la compressione delle prerogative sindacali, un definitivo sbilanciamento del nostro sistema verso obiettivi di produttività e competitività, ed a discapito dei diritti fondamentali, quali il diritto al lavoro e alla dignità del lavoro stesso, senza i quali nessuna crescita, nel senso sociale del termine e nella direzione voluta dai nostri Costituenti, è concepibile.

Magistratura democratica guarda con seria preoccupazione alle proposte di riforma del diritto del lavoro che includano l’abolizione dell’art. 18 dello Statuto o anche solo la limitazione della sua operatività ed esprime solidarietà alla Fiom che con la manifestazione nazionale del 9 marzo 2012 porta avanti una importante battaglia a tutela dei diritti dei lavoratori. 


Magistratura Democratica - Gruppo Lavoro
Carla Ponterio  Roberto Riverso

8 marzo 2012
Ultimi articoli
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)