Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore

 

Pasquale (Lino) Sibilia rappresenta per me un ricordo struggente del mio periodo di formazione professionale ed umana. Nel 1983 insieme ad altri otto amici-compagni entravo in magistratura come uditore a Bologna e, come per un destino, tutti avevamo un comune sentire e quindi i nostri riferimenti non potevano che essere i magistrati “storici” di Md: il mitico Federico Governatori, che ci portò tutti insieme, quasi una chioccia con i suoi pulcini, a votare alle nostre prime elezioni per l’Anm (gli altri delle altre correnti saranno schiattati di invidia: altri tempi) il profondo Giancarlo Scarpari, a cui rivolgersi sempre in caso di questioni difficili sia di lavoro che politiche (anche Palombarini lo stava a sentire!) il tenebroso Vito Zincani, per me un fratello maggiore perché abruzzese come me e mio formatore, il Tribunale con Nunzia D’Elia, Adriana Scaramuzzino e Daniela Magagnoli, di pochissimo più grandi di noi eppure già così sicure come riferimento, e la Procura con Libero Mancuso, Claudio Nunziata e Lino. Ricorderò sempre la gioia della scelta, assolutamente reciproca, dell’uditorato mirato con lui, che già frequentavo a casa sua, con la bella e gioiosa Grazia Ruggiano, che troppo presto ci ha lasciato, e la serenità che mi dava sapere che per il mio futuro il suo riferimento, professionale ed umano, ci sarebbe sempre stato.

Mi disse: «l’unica dote che a un magistrato non può mancare è il buon senso, a tutto il resto si può rimediare», sorridendo con quella luce negli occhi e quella concretezza partenopea che me lo facevano ammirare quale figura paterna di riferimento, anche per la cura e l’attenzione che dedicava a me e agli altri giovani (nel concorso successivo sarebbero entrati Carlo Maria Verardi e tanti altri meravigliosi compagni di viaggio). In seguito per i primi anni di lavoro lo sentivo, cambiando funzione sempre meno.

L’avevo poi perso di vista e quando chiedevo agli amici comuni notizie erano vaghe, tristi, io non l’ho più cercato veramente e sono triste per questo.

Lino era l’esempio del magistrato di Md che unisce impegno, intelligenza e una grande umanità per affrontare la vita e la professione.

Forse non l’ho mai ringraziato veramente per quello che mi ha dato e lo faccio ora con un grande senso di rammarico e tristezza.

 

Bologna, 4 settembre 2018

 

 

 

6 settembre 2018
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.