Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018

Un documento straordinario. In cui si afferma che «non può esservi imparzialità autentica del giudice se questi non ha di fronte a sé liberi avvocati». Si tratta della dichiarazione congiunta di Medel – la rete che unisce le Associazioni dei magistrati democratici di tutta Europa e a cui aderisce, per l’Italia, Magistratura democratica – e di Aed, Avvocati europei democratici. Un testo che è il frutto della conferenza internazionale su “l’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati”, svoltasi a Bruxelles lo scorso 26 maggio. È certamente un appello a tutelare i due soggetti della giurisdizione innanzitutto in quei Paesi come la Turchia in cui sono violentemente limitati nella loro libertà. Ma la richiesta di una «indipendenza dei sistemi giudiziari» che si traduca in «avvocati liberi e giudici e pubblici ministeri indipendenti» è concepita in riferimento, sul piano generale, a tutti gli «attacchi portati allo Stato di diritto con la grave limitazione delle libertà e dei diritti degli avvocati e il diffondersi di allarmanti fenomeni di violenza nei loro confronti». Evidente il richiamo ai casi, sempre più diffusi anche in Italia, in cui i difensori sono minacciati quando assistono persone accusate di particolari reati. Ed è esplicito l’appello affinché «il ruolo dell’Avvocato e il diritto di difesa siano previsti in tutte le Costituzioni».

Una posizione di grande significato anche rispetto alla proposta, messa a punto dal Cnf, di vedere esplicitamente affermata nella nostra Carta l’autonomia e la libertà dell’avvocato. Se ne occuperà il Congresso forense di Catania, in programma dal 4 al 6 ottobre prossimi. In quella occasione, si esprimerà sulla proposta dell’avvocatura italiana anche il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Ma ora la discussione è arricchita, in maniera forse decisiva, dalla dichiarazione congiunta di Aed e Medel. Quest’ultima ha come vicepresidente la segretaria di Magistratura democratica Mariarosaria Guglielmi. Che ha avuto una parte assai significativa nell’elaborazioni delle tesi poi inserite nella dichiarazione congiunta firmata con gli Avvocati europei democratici, e che a proposito di quel documento propone la riflessione riportata di seguito.

“Nella diversità di ruoli e funzioni, magistrati e avvocati, come attori della giurisdizione, promuovono valori comuni e la difesa di tali valori nell’attuale preoccupante contesto nel quale si moltiplicano e si diffondono gli attacchi allo Stato di diritto. Avvocati e magistrati condividono l’impegno per l’indipendenza dei sistemi giudiziari, come diritto fondamentale dei cittadini, che richiede avvocati liberi e giudici e pubblici ministeri indipendenti; per il rispetto dei principi e delle garanzie del giusto processo quale condizione per la tutela effettiva delle libertà e dei diritti fondamentali; per la libertà di stampa e la trasparenza delle decisioni giudiziarie che richiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutti coloro che concorrono ad una informazione giudiziaria corretta nell’interesse della collettività.

Non può esservi imparzialità autentica del giudice se questi non ha di fronte a sé liberi avvocati; non può esservi garanzia dei diritti fondamentali senza garanzia di una effettiva difesa.

Di fronte agli attacchi portati allo Stato di diritto con la grave limitazione delle libertà e dei diritti degli avvocati e il diffondersi di allarmanti fenomeni di violenza nei loro confronti, Medel e Aed chiedono che si apra un confronto affinché il ruolo dell’Avvocato e il diritto di difesa siano previsti in tutte le Costituzioni: l’indipendenza degli avvocati non si riduce agli aspetti di deontologia professionale ma è una componente dello Stato di diritto, come riconosciuto dalla Raccomandazione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa sulla libertà di esercizio della professione di avvocato ( 2000) 21, finalizzata a «promuovere la libertà di esercizio della professione di avvocato al fine di rafforzare lo Stato di diritto, al quale partecipa l’avvocato, in particolare nel ruolo di difensore delle libertà individuali».

Medel e Aed auspicano che sia approvata la Convenzione Europea sulla professione dell’avvocato, oggetto della Raccomandazione adottata nel 2018 dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, per rendere effettivi i principi della Raccomandazione ( 2000) 21 mediante un meccanismo di allerta e di tutela in tutti i casi di minaccia alla sicurezza e all’indipendenza degli avvocati, alla libertà di esercizio della loro attività e al ruolo essenziale che svolgono nella difesa dei diritti e delle libertà di difesa individuali”.

Il Dubbio, 29 settembre 2018

29 settembre 2018
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)