Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018

Un documento straordinario. In cui si afferma che «non può esservi imparzialità autentica del giudice se questi non ha di fronte a sé liberi avvocati». Si tratta della dichiarazione congiunta di Medel – la rete che unisce le Associazioni dei magistrati democratici di tutta Europa e a cui aderisce, per l’Italia, Magistratura democratica – e di Aed, Avvocati europei democratici. Un testo che è il frutto della conferenza internazionale su “l’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati”, svoltasi a Bruxelles lo scorso 26 maggio. È certamente un appello a tutelare i due soggetti della giurisdizione innanzitutto in quei Paesi come la Turchia in cui sono violentemente limitati nella loro libertà. Ma la richiesta di una «indipendenza dei sistemi giudiziari» che si traduca in «avvocati liberi e giudici e pubblici ministeri indipendenti» è concepita in riferimento, sul piano generale, a tutti gli «attacchi portati allo Stato di diritto con la grave limitazione delle libertà e dei diritti degli avvocati e il diffondersi di allarmanti fenomeni di violenza nei loro confronti». Evidente il richiamo ai casi, sempre più diffusi anche in Italia, in cui i difensori sono minacciati quando assistono persone accusate di particolari reati. Ed è esplicito l’appello affinché «il ruolo dell’Avvocato e il diritto di difesa siano previsti in tutte le Costituzioni».

Una posizione di grande significato anche rispetto alla proposta, messa a punto dal Cnf, di vedere esplicitamente affermata nella nostra Carta l’autonomia e la libertà dell’avvocato. Se ne occuperà il Congresso forense di Catania, in programma dal 4 al 6 ottobre prossimi. In quella occasione, si esprimerà sulla proposta dell’avvocatura italiana anche il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Ma ora la discussione è arricchita, in maniera forse decisiva, dalla dichiarazione congiunta di Aed e Medel. Quest’ultima ha come vicepresidente la segretaria di Magistratura democratica Mariarosaria Guglielmi. Che ha avuto una parte assai significativa nell’elaborazioni delle tesi poi inserite nella dichiarazione congiunta firmata con gli Avvocati europei democratici, e che a proposito di quel documento propone la riflessione riportata di seguito.

“Nella diversità di ruoli e funzioni, magistrati e avvocati, come attori della giurisdizione, promuovono valori comuni e la difesa di tali valori nell’attuale preoccupante contesto nel quale si moltiplicano e si diffondono gli attacchi allo Stato di diritto. Avvocati e magistrati condividono l’impegno per l’indipendenza dei sistemi giudiziari, come diritto fondamentale dei cittadini, che richiede avvocati liberi e giudici e pubblici ministeri indipendenti; per il rispetto dei principi e delle garanzie del giusto processo quale condizione per la tutela effettiva delle libertà e dei diritti fondamentali; per la libertà di stampa e la trasparenza delle decisioni giudiziarie che richiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutti coloro che concorrono ad una informazione giudiziaria corretta nell’interesse della collettività.

Non può esservi imparzialità autentica del giudice se questi non ha di fronte a sé liberi avvocati; non può esservi garanzia dei diritti fondamentali senza garanzia di una effettiva difesa.

Di fronte agli attacchi portati allo Stato di diritto con la grave limitazione delle libertà e dei diritti degli avvocati e il diffondersi di allarmanti fenomeni di violenza nei loro confronti, Medel e Aed chiedono che si apra un confronto affinché il ruolo dell’Avvocato e il diritto di difesa siano previsti in tutte le Costituzioni: l’indipendenza degli avvocati non si riduce agli aspetti di deontologia professionale ma è una componente dello Stato di diritto, come riconosciuto dalla Raccomandazione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa sulla libertà di esercizio della professione di avvocato ( 2000) 21, finalizzata a «promuovere la libertà di esercizio della professione di avvocato al fine di rafforzare lo Stato di diritto, al quale partecipa l’avvocato, in particolare nel ruolo di difensore delle libertà individuali».

Medel e Aed auspicano che sia approvata la Convenzione Europea sulla professione dell’avvocato, oggetto della Raccomandazione adottata nel 2018 dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, per rendere effettivi i principi della Raccomandazione ( 2000) 21 mediante un meccanismo di allerta e di tutela in tutti i casi di minaccia alla sicurezza e all’indipendenza degli avvocati, alla libertà di esercizio della loro attività e al ruolo essenziale che svolgono nella difesa dei diritti e delle libertà di difesa individuali”.

Il Dubbio, 29 settembre 2018

29 settembre 2018
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.