Il commento

Rientro dei capitali-bis

di Luigi Marini

di LUIGI MARINI

Il bisogno aguzza l’ingegno, ma non sempre è buon consigliere. Per verificare se questa massima si possa applicare alle politiche che il Governo sta disegnando per fare cassa, potremmo partire dalla disciplina per il rientro dei capitali dall’estero.

Memori della pessima soluzione adottata sei anni fa, che prevedeva l’anonimato, una sanzione calcolata con percentuale irrisoria e un rischio di confusione sul versante penale, i nostri governanti pensano oggi a un meccanismo diverso, che fa leva sulla rinuncia alle sanzioni penali e su un favorevole trattamento amministrativo al fine di indurre al rientro capitali, stimati in qualcosa come 180 miliardi di euro. Questo dovrebbe garantire di non cadere ancora in un "flop" dei risultati ottenuti nonostante il ricorso a un meccanismo assai discutibile sul piano politico, prima ancora che etico.

La sanatoria si applicherebbe oggi alle persone fisiche e giuridiche e dovrebbe riguardare i capitali esistenti all’estero negli anni d’imposta che vanno fino al 2013 e non inseriti nell’apposito quadro della dichiarazione annuale (quadro “RW”). Il termine per rendere note le somme al Fisco scade il 30/9/2015, e cioè circa un anno dopo il termine per la dichiarazione relativa all’anno 2013. 

Non è chiaro quale sia la ragione di questa dilazione, ma va considerato un particolare. Se è vero che sull’ammontare delle somme illecitamente esportate ed esistenti all’estero “si paga il 7,5% dello stock di capitali” (fonte La Repubblica del 25 gennaio), e se è vero che chi richiede il rientro deve spiegare come ha formato la provvista, ma potrà sostenere di non essere più in grado di documentarne tempi e modi, non sarà difficile continuare a formare capitali all’estero nel 2014 e quindi dichiararli come rientranti nella sanatoria usufruendo della scadenza del 2015.

Il tutto, mentre sappiamo che molti da tempo preferiscono far rientrare le somme in contanti, senza dichiararle, così da non dover spiegare come le provviste estere si formano e non rendere noti meccanismi e canali di evasione e di frode in vista di future possibilità.

Nello stesso tempo il percorso per introdurre il reato di auto riciclaggio non viene ancora attivato da Governo e Parlamento, rimettendolo “a un prossimo provvedimento “.
Difficile dire che queste scelte siano in linea con la proclamata volontà di fare del 2014 l’anno della “lotta senza quartiere” all’evasione fiscale.

27 gennaio 2014
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.