Il commento

Una vignetta che vale un editoriale

La vignetta di ElleKappa pubblicata su La Repubblica (foto tratta da La Repubblica) di sabato 10 maggio è, come al solito, un vero e proprio editoriale:  "Gli italiani pensavano di avere sconfitto la corruzione venti anni fa. Invece l'avevano solo eletta".

Senza ricordare gli uomini d'impresa e di partito che hanno avuto assicurato un seggio parlamentare al solo scopo di garantirsi da possibili / probabili indagini e processi, la diffusione venti anni dopo del fenomeno corruttivo non emerge solo dal ripetersi degli interventi giudiziari ma dal convergere di tutti gli indicatori che gli esperti del settore e la stessa Unione Europea utilizzano per misurare un fenomeno che vede l'Italia protagonista negativa.

Eppure ancora oggi leggiamo e ascoltiamo organi di stampa parlare di indagini a orologeria e di invadenza dei magistrati. Sono discorsi che da anni si ripetono sempre uguali e che potrebbero, forse, avere una legittimità se i responsabili dei beni collettivi e le organizzazioni politiche che di fatto li controllano avessero in questi lustri affrontato davvero i problemi strutturali e culturali che costituiscono la base e la ragione della degenerazione della cosa pubblica.

Così non è stato e "la politica" può solo rimproverare a se stessa la condizione desolante di un Paese che continua a sperperare fiumi di denaro pubblico, ad arricchire posizioni parassitarie, a distorcere i rapporti economici e gli stessi processi democratici.

Quanto, poi, alle forme di intervento che sono state adottate dai magistrati, credo ogni cittadino consapevole e sgombro da pregiudizi sappia apprezzare i meccanismi di difesa e di giustificazione che scattano fra i responsabili degli abusi e l'emergere di vere e proprie strutture destinate a inquinare le prove e a garantire fughe e impunità.

A dimostrazione che non si è in presenza di errori o reati occasionali, ma di meccanismi collaudati e affinati nel tempo che si rivelano tanto diffusi e invadenti da incappare spesso nei controlli che, nonostante tutto, la polizia e la magistratura doverosamente continuano a coltivare.  


Luigi Marini

(12 maggio 2014)
12 maggio 2014
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti