L’obbligatorietà del PCT

I passi necessari e le responsabilità

L’obbligatorietà del P.C.T. : i passi necessari e le responsabilità

Il passaggio all’obbligatorietà di alcuni pezzi significativi del Processo Civile Telematico a partire dal 30 giugno 2014 è il cambiamento più rilevante della giustizia quest’anno.

E’ la prosecuzione di un percorso intrapreso dal 2001 che ha visto la progressiva estensione della digitalizzazione del processo civile, di cui un passo essenziale sono state le notifiche obbligatorie on line, ormai a regime da oltre due anni. E’ il segno della sua irreversibilità e del progressivo abbandono del sistema ibrido (in parte cartaceo ed in parte telematico) con cui siamo costretti oggi a confrontarci.

Proprio l’estrema importanza di questa scelta, contenuta in una legge emanata ormai più di un anno fa, fa ritenere incredibile l’assenza di una reale programmazione e di interventi per superare le molte criticità che oggi continuano ad esservi.

Siamo convinti della bontà della scelta e non crediamo che per partire sia necessaria la perfezione, ma abbiamo bisogno di molte certezze e di interventi di cui una parte spettano al Ministero nelle sue diverse articolazioni, in parte ai dirigenti degli uffici e all’avvocatura.

Abbiamo bisogno di un sistema stabile e funzionante che non venga bloccato in orario lavorativo con scadenza settimanale per l’installazione di pur necessarie modifiche evolutive.

Abbiamo bisogno di postazioni e strumentazioni di lavoro idonee e che agevolino magistrati e cancellieri all’utilizzo del telematico.

Abbiamo bisogno di un’assistenza informatica efficiente e che intervenga con immediatezza.

Abbiamo bisogno che a livello tecnologico il Processo Civile Telematico venga completato in tutti i suoi segmenti.

Abbiamo bisogno di una costante formazione e assistenza sul luogo che aiuti magistrati, avvocati e personale al necessario salto culturale.

Abbiamo bisogno di darci una cultura nuova che non si limiti a trasporre gli scritti cartacei in telematici, ma pensi ed operi in nativo digitale con sinteticità e chiarezza.

Abbiamo bisogno di adeguare un codice pensato per carta e penna alla nuova realtà.

Noi crediamo agli enormi benefici come qualità del lavoro, comodità, risparmi economici e di tempo che il Processo Civile Telematico può dare a tutti gli operatori.

Ma riscontriamo come manchi una programmazione ed una cabina di regia da parte del Ministero e come il Ministero sia lontano dagli operatori, senza rapporti strutturati con gli uffici giudiziari e l’avvocatura.

Il problema è di risolvere i problemi, non di prendere iniziative formali per poter dire di averli affrontati, magari con l’idea di riversare poi la responsabilità di un eventuale rinvio su magistrati e avvocati.

Il fatto stesso che il Ministro nella sua Relazione al Parlamento abbia sminuito l’importanza dell’obbligatorietà parlandone come se fosse limitata ai decreti ingiuntivi, contrariamente a quanto previsto dalla legge, è significativo.

Il problema degli interventi sul PCT non è tecnico, ma politico e riguarda in primo luogo Governo e Ministero.

Il Processo Civile Telematico non è solo un software, ma un processo civile a tutti gli effetti e una formidabile innovazione organizzativa e culturale.

Se c’è volontà c’è ancora tempo per mettersi sulla strada di affrontare e risolvere le criticità sopra indicate.

Un rinvio segnerebbe il fallimento del Ministero e del Governo sul tema.

Non ci sono alibi.


(11 febbraio 2014)

11 febbraio 2014
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)