La lettera

I mali della giustizia

e la collaborazione
Pubblichiamo una lettera del presidente di Md, Luigi Marini, pubblicata su "La Repubblica" del 28 aprile

Egregio Direttore,

In materia di giustizia il nostro Paese da troppo tempo paga un prezzo altissimo, sia per l’assenza di politiche coerenti per la qualità della risposta alle domande dei cittadini, sia per l’arretratezza nelle tecnologie, nelle infrastrutture e nella gestione della cosa pubblica.

Dopo anni in cui la classe politica si è occupata molto di “conflitti” con la magistratura e assai poco di risorse e innovazione, i magistrati hanno guardato con favore a un Governo e un Ministro che da fine 2011 hanno riportato l’attenzione sulla giustizia di ogni giorno.

Ora è forte il rischio che si torni, invece, a concentrare l’attenzione sui magistrati più che sull’amministrazione della giustizia.

Una rinnovata collaborazione fra mondo politico, amministrazione e magistratura potrebbe fare molto per migliorare la qualità del servizio giustizia anche a spesa pubblica invariata. 

Ne sono esempio la riforma delle circoscrizioni giudiziarie, con la chiusura degli uffici minori, e i progetti di innovazione condotti da alcuni tribunali. 

Sarebbe un peccato se la nostra disponibilità a collaborare con le altre istituzioni venisse frustrata, come è inevitabile che accada se il mondo politico deciderà di tornare a quel clima da “resa dei conti” che mira solo a indebolire i controlli di legalità.

(29/04/2013)

29 aprile 2013
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti