La scomparsa

Addio a Sandro Margara

"Punto di riferimento per Md"

Alessandro Margara è stato, per Magistratura Democratica, un vero e proprio punto di riferimento, il principale in tutte le riflessioni sul carcere e sulla pena.

Se nella tradizione di Md questi temi hanno avuto ed hanno un ampio spazio, molto lo si deve a lui e alla sua capacità di dire autorevolmente cose “controcorrente”.

Ci vuole sapienza e coraggio per essere controcorrente su un tema spinoso come quello del carcere, in cui si concentrano come in pochi altri contraddizioni stridenti ed emozioni  forti. Lui aveva sia la sapienza che il coraggio, perciò ci lascia un’eredità unica nei suoi scritti e nel ricordo delle persone che hanno avuto l’opportunità di ascoltarlo o la fortuna di frequentarlo.

E aveva anche un’altra dote, che ne ha fatto un grande magistrato: amava il “semplice” lavoro di giudice, che ha ripreso a svolgere con inalterata passione dopo avere ricoperto incarichi direttivi anche di altissima responsabilità.

Magistratura democratica gli è enormemente grata di tutto ciò. Cercheremo di far tesoro del suo esempio.
 
Carlo De Chiara

presidente di Magistratura democratica

(29 luglio 2016)

29 luglio 2016
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)