La sentenza

Il Tar su CG Catanzaro

Riconosciute le ragioni di Area

Pubblichiamo la sentenza n. 226/2013  con la quale il TAR Calabria, Catanzaro, dopo aver richiamato il sistema proporzionale che disciplina l’elezione dei componenti del Consiglio Giudiziario, ha accolto il ricorso di Vincenzo Luberto rilevando che “poiché l’assegnazione dei seggi è fatta per lista, deve coerentemente ritenersi che i seggi conseguiti da ciascuna lista al momento dell’elezione devono essere mantenuti per tutta la durata in carica del Consiglio giudiziario eletto”.

Conseguentemente, nel caso di cessazione di uno degli eletti, questi deve essere sostituito con il magistrato, appartenente alla stessa categoria, che lo segue nella lista di appartenenza. Il seggio lasciato da una collega eletta nella lista di Area deve essere, quindi, attribuito a Vincenzo Luberto.

LEGGI LA SENTENZA

27 febbraio 2013
Ultimi articoli
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)
Elezioni Csm

Zaccaro: «La politica non ha le idee chiare. Il Csm sia protagonista»

Il candidato di Area: il Consiglio è il presidio della nostra autonomia, non riguarda solo le correnti. Va restituito ai magistrati (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Rita Sanlorenzo: «C’è un rischio populismo anche tra i magistrati»

Parla Rita Sanlorenzo, sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione e candidata per AreaDG alle prossime elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)