Presentazione gruppo penale

ll diritto penale è una delle cartine al tornasole di un ordinamento. Capire come il diritto penale si atteggi di fronte alla società e alle singole persone (autrici di reati o persone offese) costituisce una delle chiavi di lettura più importanti, utile a comprendere se quell’ordinamento –il nostro ordinamento- sia capace davvero di garantire –per tutti e per ciascuno- i diritti alla libertà e alla sicurezza della propria persona.

Magistratura democratica –da sempre- si sforza di ragionare su questi temi, al fine di promuovere un ordinamento penale autenticamente garantista e, soprattutto, al fine di promuovere prassi giudiziarie che –al garantismo- si informino.

E, in questo tentativo di saldare cultura giuridica e prassi, Magistratura democratica ha intenzionedi procedere ad una riflessione che coinvolga il più possibile esponenti della cultura giuridica, magistrati, avvocati ed operatori di settore.

Tra i vari temi di riflessione –tutti importanti, alcuni urgenti- non si può non partire da una seria riflessione sulla realtà del carcere. Un universo denso di contraddizioni e di sofferenza, caratterizzato da un sovraffollamento oramai non più accettabile, in cui l’esecuzione della pena si allontana sempre più dal disegno costituzionale secondo il quale “le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”. Magistratura democratica ­–che al problema delle carceri ha dedicato una particolare attenzione all’ultimo congresso generale, con una specifica mozione- intende pertanto avviare -con magistrati, avvocati ed operatori di settore- un percorso di denuncia e riflessione in ordine alla modifica di norme e di prassi giudiziarie che possano rendere meno disumano il pianeta carcere.

Ma riflettere sul carcere è esercizio sterile, se non ci si interroga su altri temi che ne costituiscono il presupposto. Già si è avviato un percorso di elaborazione sul tema della saldatura tra le condizioni di marginalità –in particolare la condizione di migrante e le dipendenze (oggetto diun recente convegno a Roma)- ed il carcere. Sono anche in corso di elaborazione iniziative sul garantismo e su quello che –in anni oramai lontani- si chiamava il diritto penale minimo.

La modernità di una società complessa ci interpella di continuo e, pertanto, è doveroso che Magistratura democratica prosegua nella riflessione sui grandi temi della società: la criminalità economica (oggetto di un recente convegno a Roma, organizzato da Magistratura democratica e la rivista Questione giustizia), la sicurezza sul lavoro (con particolare riferimento alla responsabilità degli enti) e, ovviamente, anche in considerazione della recente approvazione del c.d. Codice anti-mafia, il tema della lotta alle mafie (già oggetto di un recente convegno a Napoli).

L’attenzione di Magistratura democratica –ed in particolare del gruppo penale- intende anche incentrarsi sui temi dell’organizzazione di un sistema penale giusto ed efficace (convinti, come siamo, che non v’è giustizia se la risposta giudiziaria non giunge in tempi ragionevoli) e su temi ordinamentali di cruciale importanza per l’equilibrato rapporto tra poteri dello Stato: tra essi è intenzione di Magistratura democratica ragionare sull’attuale statuto del Pubblico Ministero, a quattro anni dalla riforma dell’ordinamento giudiziario e sui rapporti tra autorità giudiziaria e polizia giudiziaria.

Il nostro auspicio è che i temi che precedono non si risolvano in una semplice operazione culturale, ma si spingano sino a modificare le prassi giudiziarie.

Per affrontare questi temi Magistratura democratica non esiterà a chiedere collaborazione, né avrà paura di contaminarsi o confrontarsi con opposte opinioni.

25 agosto 2011
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.