Riviste QG

Speciale processo Thyssen

La sicurezza sui luoghi di lavoro

presentazione a cura di Luigi Marini

Il n.2/2012 di Questione Giustizia è interamente dedicato al processo Thyssen e al tema della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Un’analisi ragionata della sentenza, di cui sono riportati ampi stralci nella prima parte del volume, ci è sembrata un’utile occasione per affrontare il tema della sicurezza sul lavoro da più punti di vista: i riflessi civilistici e la monetizzazione della salute; i profili dell’organizzazione aziendale e il suo impatto sulla salute dei lavoratori; il tema della responsabilità delle persone giuridiche; i profili dell’organizzazione degli uffici giudiziari e dell’effettività dell’intervento di controllo. Il tutto accompagnato da un ampio intervento che “fa la storia” della tutela della salute sui luoghi di lavoro e affronta i nodi politici dell’attualità.

Il dibattito su responsabilità colposa e dolosa, che non può essere compreso se separato dalle specificità della vicenda Thyssen, non poteva esaurire la nostra attenzione, perché di lavoro si muore ogni giorno e perché la fabbrica continua a uccidere le persone che vivono nei dintorni.

L’intervento della magistratura è stato decisivo per sostenere nei decenni la crescita culturale e politica che ha aumentato i livelli di tutela, ma quell’intervento e quella tutela non hanno fatto abbastanza. Di qui il richiamo a un impegno chedeve restare alto e farsi sempre più concreto (si rinvia anche ai documenti delle procure piemontesi e al commento pubblicati sul n.1/2011 della Rivista).

Gli articoli presenti sul volume sono scaricabili dal sito di Franco AngeliEditore.

A propositodi effettività di tutela, sono reperibili sul nostro sito il protocollo stipulato dalle procure della Repubblica toscane, coordinate dal procuratore generale Beniamino Deidda, con gli enti pubblici competenti in materia di sicurezza sul lavoro; la circolare 2008 della Procura generale di Torino (testo pubblicato su Il Foro Italiano); le istruzioni date dal Procuratore della Repubblica di Alba (v. n.1/2011 di Questione Giustizia).

 

IL SOMMARIO

Introduzione. Mai più

Parte prima. La sentenza Thyssen. Corte assise Torino - 15 aprile 2011 pres. Iannibelli, est. Dezani - imp. Espenhahn + 5

Beniamino Deidda, Dall’ineluttabile fatalità al processo Thyssen

Andrea Natale, Dopo la Thyssen

Roberto Riverso, Le statuizioni civili della sentenza Thyssen

Daniele Di Nunzio, Modelli organizzativi, sistemi di gestione della salute e sicurezza e benessere dei lavoratori

Luigi Marini, Sicurezza sul lavoro, intervento giudiziario e organizzazione degli uffici. Considerazioni minime per una quotidianità diffusa

Luca Poniz, Intervento di tutela e responsabilità delle persone giuridiche

Hanno collaborato a questo fascicolo



DOCUMENTI IN PDF:

18 luglio 2012
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore