Pillole

Numero chiuso in carcere

di G. Palombarini

Riprende a circolare l’idea, a mio giudizio pessima, di costruire nuove prigioni per far fronte all’attuale sovraffollamento (e, sia detto per inciso, alla ulteriore marginalizzazione delle persone per una ragione o per l’altra in condizioni di disagio sociale). Md deve respingere questa prospettiva. E’ vero. Non è questa la stagione per le riforme ispirate alla logica del diritto penale minimo.

In attesa che questa stagione si apra, sperabilmente con la prossima legislatura, e preso atto della modesta efficacia delle leggi “svuota carceri” del 2010 e del 2012 che hanno lasciato praticamente irrisolto il problema, Md può rilanciare l’idea del “numero chiuso” in carcere (ne ho scritto con Carlo Renoldi, qualche anno fa, su Questione Giustizia).

In sintesi. Eccezion fatta per i reati particolarmente gravi, per i quali sarà necessario procedere immediatamente all’esecuzione della sentenza di condanna, per gli altri si programmano entrate scaglionate in relazione alla disponibilità di posti, prevedendo per i condannati eccedenti il decorso immediato della pena in detenzione domiciliare.

Su un’idea del genere si potrebbe costruire un convegno, certamente insieme ai Giuristi Democratici, forse anche con l’Arci. Che ne dite?

20 aprile 2012
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019