Turchia

Murat Arslan, giudice detenuto, ha vinto il premio Václav Havel per i diritti umani 2017

Il comunicato dell'associazione Medel, il messaggio di Arslan, l'e-book "Lettere dalla Turchia"

L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) ha annunciato nella sua sessione plenaria di oggi a Strasburgo (Francia) che il vincitore del Premio Václav Havel per i Diritti Umani 2017 è Murat Arslan, giudice turco, presidente di YARSAV, associazione indipendente dei giudici turchi, in prigione dal 19 ottobre 2016.

Murat Arslan è stato candidato per questo premio da MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés, così come da UIM – Union Internationale des Magistrats, con il supporto delle altre associazioni internazionali che formano la Platform for an Independent Judiciary in Turkey: Judges for Judges e Association of European Administrative Judges.

Murat Arslan è un simbolo di tutti coloro che non si arrendono e che, anche rischiando le proprie vite, continuano a combattere per i diritti umani ed a credere che i cittadini turchi abbiano il diritto di vivere liberamente ed in uno Stato democratico: uno Stato che rispetti le libertà individuali e garantisca accesso uguale e libero ad un sistema di giustizia indipendente, che attui i diritti fondamentali.

Dall'inizio della brutale repressione contro la società civile ed il potere giudiziario in Turchia, MEDEL ha ricevuto innumerevoli grida di aiuto dalla Turchia, che oggi pubblichiamo nell’e-book allegato.

***

Il comunicato di Medel (It)

Il comunicato di Medel (En)

Il discorso di Murat Arslan (En)

Il discorso di Murat Arslan (Fr)

L'e-book - Lettere dalla Turchia (2016-2017)

9 ottobre 2017
Ultimi articoli
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Commenti

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
L'analisi. I contenuti del decreto legislativo in tema di ordinamento penitenziario approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 agosto (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)