A Milano "La Costituzione e i diritti"

Riflessioni su principi costituzionali e politica

MILANO - Magistratura Democratica in collaborazione con la Commissione Cultura del Consiglio di zona 4 organizza una serata sul tema: "La Costituzione e i diritti. Riflessioni aperte sul rapporto tra principi costituzionali e scelte politiche". L'appuntamento a Milano è per martedì 31 gennaio 2012, alle ore ore 21.00, presso il Teatro della 14^ Via Oglio 18.

Ne parleranno Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, Gherardo Colombo presidente Garzanti Libri, Giovanni Palombarini, magistrato. L'incontro sarà moderato da Manuela Massenz Sostituto Procuratore a Monza.

Nel corso della serata verrà presentato il libro "La Costituzione e i diritti - una storia italiana" di Giovanni Palombarini e Gianfranco Viglietta (E.S.I., Napoli, 2011).

31 gennaio 2012
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019