Agemda

Conclusa la rassegna "Diritti al cinema"

Guarda i dibattiti di tutte le serate

MILANO -  Dopo il successo delle prime tre serate, si è chiusa, con la quarta e ultima puntata, la rassegna "Diritti...al cinema", organizzata dalla sezione milanese di Magistratura Democratica assieme alla Fondazione culturale "San Fedele". Nell'ultimo appuntamento al centro della riflessione lavoro ed economia, con la proiezione del film “Louise Michel”. Tra gli ospiti, Tito Boeri, docente dell’Università Luigi Bocconi, Francesco Greco, magistrato di Cassazione italiano e vicepresidente della Corte costituzionale, il segretario generale della Fiom Maurizio Landini sindacali, il giurista ed ex presidente della Consob Guido Rossi e il vicedirettore del Fatto quotidiano Marco Travaglio.

"Questa sera è in programma l’ultimo appuntamento della rassegna di film/dibattiti organizzata da MD a Milano. Serata finale, e speciale. A tre giorni dall’anniversario di Mani Pulite, un dibattito per parlare di economia e diritti tra Tito Boeri, Guido Rossi, Maurizio Landini (FIOM) e Marco Travaglio, condotto da Francesco Greco (coordinatore del dipartimento reati economici della Procura). Idee e punti di vista quanto mai diversi a confronto". (dalla presentazione di Adriano Scudieri, segretario Md Milano)

GUARDA IL VIDEO


LE ALTRE SERATE:

Carcere con "Amore Buio". Nel terzo appuntamento si è parlato di carcere: dopo la proiezione di “Amore buio” di Antonio Capuano che ha introdotto il tema. Il dibattito ha visto gli interventi di Franco Maisto, Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Bologna, Stefania Mussio, direttore del Carcere di Lodi, e Luigi Manconi, sociologo, già senatore, da sempre impegnato nella tutela dei diritti dei detenuti.

GUARDA IL VIDEO DELLA TERZA SERATA

Immigrazione nel secondo appuntamento. E' stato dedicato all'immigrazione la seconda serata della rassegna, che si è svolta il 24 gennaio, con la proiezione di "Terraferma", di Emanuele Crialese. Ne hanno discusso tra gli altri Ilio Mannucci Pacini, Livio Pepino, Fabio Quassoli, professore associato di sociologia e ricerca sociale dell’Università Bicocca e l’infettivologa Giuliana Troja che ha raccontato la sua esperienza vissuta con Medici Senza Frontiere al Centro di accoglienza di Lampedusa.

GUARDA IL VIDEO DELLA SECONDA SERATA

Successo della prima serata. Grande affluenza al primo appuntamento del 17 gennaio, dove si è parlato di "Famiglia e minori". Il  film della serata è stato "Il ragazzo con la bicicletta" (di Jean Pierre Dardenne, 2011). Ne hanno discusso, tra gli altri, Enaiatollah Akbari protagonista, della storia "Nel mare ci sono i coccodrilli”, Laura Laera (magistrato), Luciana Littizzetto (attrice) e Silvia Vegetti Finzi (psicoterapeuta).

IL VIDEO DEL PRIMO APPUNTAMENTO

Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore