Convegno di Md e Aiga

La tortura in Italia

"La tortura in Italia esiste, la legge ancora no". E' il titolo del convegno organizzato da Magistratura democratica e dalla sezione barese dell'Aiga (Associazione italiana giovani avvocati) e in programma il 3 dicembre a Bari (con il patrocinio dell'Ordine degli Avvocati e dell'Università degli studi di Bari).

I lavori si svolgeranno presso la sala Aldo Moro alle ore 15.30.

Interverranno: Gaetano di Muro (Ordine Avvocati Bari), Luca Colaiacomo (Aiga Bari), Patrizio Gonnella (presidente nazionale Antigone), Claudio Sarzotti (prof. ordinario Filosofia del Diritto - università di Torino), Luigi Pannarale (prof. ordinario Sociologia del Diritto - università di Bari), Giovanni Zaccaro (Magistratura Democratica).


In allegato la locandina

3 dicembre 2014
Ultimi articoli
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Santiago

MEDEL: l’impegno per promuovere la parità di genere

Amministrare la giustizia sapendo che esistono ancora disparità tra uomini e donne nella società e che gli stereotipi devono essere scardinati, anche all'interno della magistratura
L’indipendenza della nuova Sezione disciplinare della Corte suprema polacca

MEDEL sulla sentenza della Corte Europea di Giustizia del 19 novembre 2019

Il diritto a un giusto processo può essere garantito solo da tribunali indipendenti
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman