Ciclo d'incontri

Inviolabile.
La libertà personale di fronte alla coercizione istituzionale

#2 CARCERE: l'umanità della pena rende insicuri?

 

Torino, 17 marzo 2020 ore 20.45
Unione culturale Franco Antonicelli
Via Cesare Battisti 4b
Ingresso libero

 

Intervengono
Elvio Fassone
ex magistrato e senatore
Francesco Gianfrotta
ex magistrato
Laura Scomparin
docente UniTO
Michele Miravalle
Antigone
Modera
Daniela Steila
Unione culturale

 

 

La libertà personale è inviolabile, recita l’art. 13 della Costituzione.

È tuttavia la stessa Costituzione che riserva al legislatore e alla magistratura la possibilità di limitarla, riconoscendo la necessità di far convivere la concezione individualistica di libertà dallo Stato con il diritto/dovere dei poteri pubblici di limitare la libertà di alcuni in nome della libertà di tutti.

Con questo ciclo di incontri, Magistratura Democratica e Unione culturale Franco Antonicelli intendono riavviare il confronto pubblico tra diversi saperi e punti di vista sul concreto e delicato bilanciamento tra la libertà della persona e la sua limitazione, accostandosi a tre luoghi in cui si esercita il potere coercitivo dello Stato: le strutture di cura delle malattie mentali, il carcere e i centri di permanenza per il rimpatrio dei migranti.

Molti i temi sui quali occorrerebbe interrogarsi, anche sollecitati dall’attualità della cronaca (le rivolte nei Cpr) e di alcune importanti pronunce giurisprudenziali (le sentenze sull’ergastolo ostativo). Per esempio, le finalità della limitazione della libertà personale, la loro proporzionalità e le modalità concrete con cui si attuano. Magistratura democratica e Unione culturale invitano a discuterne, con gli strumenti del diritto ma non solo, nella convinzione che non debbano restare questioni riservate agli “addetti ai lavori” se si vuole diffondere nell’opinione pubblica una solida cultura dei diritti della persona.

 

CICLO INCONTRI

martedì 3 marzo 2020 ore 20:45
con Chiara Abbà (psicologa psicoterapeuta), Mario Cardano (sociologo, docente Unito), Riccardo Tiraferri (psichiatra direttore s.c. salute mentale ASL TO4), Nicola Tritta (magistrato).
Modera: Silvia Nugara (Unione culturale)

 

martedì 17 marzo ore 20.45
con Elvio Fassone (ex magistrato e senatore), Francesco Gianfrotta (ex magistrato), Laura Scomparin (docente UniTO), Michele Miravalle (Antigone).
Modera: Daniela Steila (Unione culturale)

 

martedì 31 marzo ore 20.45
con Monica Gallo (Garante dei detenuti di Torino), Guido Savio (ASGI), Alessandra Algostino (docente UniTO).
Modera: Jacopo Rosatelli (Unione culturale).
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore