Approvata riforma del lavoro

Lavoro

Approvata riforma del lavoro

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Vincono ragioni economiche"

La riforma del lavoro, ieri definitivamente approvata, rappresenta la vittoria delle ragioni economiche sui diritti e la dignità del lavoro e realizza un grave arretramento nella tutela dei lavoratori nel nostro Paese. La legge distingue le sanzioni contro il licenziamento illegittimo in base alle motivazioni addotte dal datore di lavoro, creando il rischio che le ragioni del recesso vengano calibrate in vista della disciplina applicabile, con serio pregiudizio del diritto di difesa dei lavoratori. 

Si suddividono inoltre le fattispecie di licenziamento per motivi disciplinari e oggettivi in molte sottofattispecie, descritte attraverso incerte clausole generali, ricollegando a ciascuna di esse conseguenze diverse, dando luogo a un sistema caratterizzato da incertezze interpretative che verosimilmente condurranno a soluzioni contrastanti e porranno in dubbio il principio di uguaglianza costituzionalmente garantito. Questo sistema rischia di alimentare vertiginosamente il contenzioso giudiziario, deviandolo dal tema dei diritti dei lavoratori a quello dei limiti al potere dei giudici. 

La possibilità di reintegra nel posto di lavoro è ridotta drasticamente e diviene sanzione di natura speciale; eliminandosi così, nella maggior parte dei casi, il vero baluardo per l’esercizio di tutti i diritti nei luoghi di lavoro che pur l’ordinamento continua ad attribuire formalmente ai lavoratori.L’indennizzo economico previsto come sanzione di carattere generale diventa la misura e il prezzo della dignità del lavoro. 

La compressione delle tutele non è compensata da adeguati accorgimenti atti a contrastare la dilagante precarietà, come dimostra la modifica del contratto a termine reso persino acausale nella sua prima stipulazione. Mentre le altre marginali innovazioni in materia di flessibilità si limitano a recepire, in prevalenza, indirizzi giurisprudenziali consolidati e non possono incidere in alcun modo sul fenomeno del lavoro illegale che continuerà a rimanere assai esteso nel nostro Paese, favorito anzi dalla conservazione delle troppe ed inutili fattispecie di figure contrattuali.

Magistratura democratica esprime seria preoccupazione nei confronti di una riforma che, in un’ottica privatistica e legata esclusivamente ad obiettivi di produttività delle imprese, fa fare al nostro paese un passo indietro sulla strada della realizzazione e della tutela dei diritti costituzionali. 

Piergiorgio Morosini (Segretario Generale di Magistratura democratica)
Luigi Marini (Presidente di Magistratura democratica)
28/06/2012

Articoli Correlati

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.

Perfezionare la riforma Orlando

Al fianco della magistratura onoraria

Magistratura democratica esprime il suo sostegno ai magistrati onorari e alle loro richieste di una retribuzione più adeguata e di un regime previdenziale e assicurativo che riconosca alla magistratura onoraria lo status che merita.

Magistratura e politica

Il caso Brescia e i chiarimenti del Ministro

Ancora una volta assistiamo ad un cortocircuito, in cui si sovrappongono la reazione pubblica ad una decisione giudiziaria, la risonanza mediatica per un esito diverso da quello atteso e l’annuncio di iniziative del Ministro della Giustizia in relazione al contenuto di tale decisione. Ma, in questi casi, gli effetti del solo annuncio di iniziative in relazione al merito di una decisione giudiziaria rischiano di assomigliare ad un vero e proprio ammonimento della politica all'indipendenza della magistratura e all'autonomia, anche scientifica, del giudizio.

Associazione Nazionale Magistrati

La nuova Giunta unitaria

Con la ritrovata unità associativa si è realizzato un obiettivo che in questi mesi abbiamo sempre indicato come prioritario per avviare un percorso di profondo rinnovamento, in grado di coinvolgere e mettere in gioco tutta la magistratura associata in un progetto comune e condiviso: quello di dare linfa ad una nuova etica professionale e di ricostruire una comune identità collettiva, basata sui valori della Costituzione.