Il nuovo Procuratore della Repubblica di Palermo

Area Csm

Il nuovo Procuratore della Repubblica di Palermo

di Esecutivo di Magistratura Democratica

Questa sera Francesco Lo Voi è stato nominato Procuratore della Repubblica di  Palermo.

La votazione decisiva – la seconda -  ha avuto il seguente esito:
- Lo Voi 13 voti (consiglieri di Magistratura Indipendente, presidente Cassazione e procuratore generale, tutti i sette componenti laici escluso il vice-presidente);
- Lari 7 voti (consiglieri di Area);
- Lo Forte 5 voti (consiglieri di Unità per la Costituzione)

Nella prima votazione i laici Fanfani, Balducci Balduzzi e Zaccaria si sono astenuti.

Palermo ha, dunque, finalmente il nuovo procuratore.

La votazione è giunta a conclusione di un intenso dibattito.

Per quanto ci riguarda abbiamo ribadito la nostra convinzione che il profilo professionale più indicato per la Procura di Palermo fosse un magistrato con prolungata e attuale esperienza “sul campo”, con una sperimentata attitudine direttiva e/o semidirettiva nel territorio.

Pur apprezzando i profili professionali di tutti e tre i candidati, abbiamo ritenuto tali requisiti presenti in Sergio Lari e, in misura minore in Guido Lo Forte, entrambi procuratori della Repubblica e, in passato, aggiunti proprio a Palermo.

Franco Lo Voi, per quanto con curriculum ineccepibile, non ci sembrava la persona più adatta per varie ragioni (lontano dalle indagini da diciassette anni, mai ricoperto un incarico direttivo o semidirettivo).

Perché si comprenda il nostro sforzo per dare a Palermo il procuratore della Repubblica secondo noi più adeguato, raccogliendo l’invito di alcuni consiglieri laici ad una più ampia convergenza, e dimostrando di andare oltre ogni designazione di “bandiera”  abbiamo manifestato, prima della seconda votazione, la dichiarazione di voto che riportiamo senza ulteriori commenti:

“Il gruppo di Area ha manifestato e conferma la propria disponibilità a votare uno dei candidati tra i dott.ri Lari e Lo Forte, proprio nello spirito della ricerca di un'ampia condivisione sui candidati il cui profilo professionale riteniamo adatto alla nomina.

Abbiamo fatto il massimo sforzo possibile per superare l'indicazione di gruppo e lo confermiamo.

Apprezzando il senso istituzionale di chi si è astenuto per le ragioni illustrate dal consigliere Fanfani, chiediamo di indicare su quale dei due candidati (Lari o Lo Forte)  gli astenuti o i colleghi di Unità per la Costituzione ritengono di poter convergere per realizzare l'obiettivo prioritario di una nomina con ampia maggioranza.

Lo diciamo qui, in plenum, in segno di trasparenza, e sottolineo che con questo vogliamo dare una dimostrazione concreta di voler andare oltre la logica del gruppo su profili professionali che riteniamo indispensabili per il Procuratore di Palermo.

Questo nell'interesse dell'amministrazione della giustizia”

Siamo dispiaciuti che nessuno abbia raccolto il nostro invito.

Il  Consiglio Superiore della Magistratura ha deciso e, con il senso istituzionale che ha accompagnato anche la nostra partecipazione al dibattito, prendiamo atto della nomina e rivolgiamo un sincero augurio al nuovo procuratore di Palermo di riuscire a bene operare nell’interesse delle istituzioni.


i consiglieri di Area al CSM

Ercole Aprile
Antonello Ardituro
Lucio Aschettino
Nicola Clivio
Valerio Fracassi
Piergiorgio Morosini
Fabio Napoleone


GLI INTERVENTI:

20/12/2014

Articoli Correlati

venerdì 4 giugno 2021, ore 15:00/18:00 e sabato 5 giugno 2021, ore 10:00/13:00

Il ruolo del PM nella giurisdizione: attualità e prospettive

Venerdì 4 e sabato 5 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica dedicato al Pubblico Ministero e al suo ruolo nella giurisdizione, tra attualità prospettive.

sabato 20 marzo 2021, ore 9:30/12:30

Dalla crisi e dalle cadute nel governo della magistratura all’attacco alla giurisdizione

A partire dalle ore 9:30 di sabato 20 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Crisi e delle cadute nel governo della magistratura e degli attacchi alla giurisdizione.

Riforme e autogoverno

CSM: una legge elettorale in funzione del suo ruolo costituzionale

Garantire rappresentatività alle diverse idee e visioni che si hanno della giurisdizione, abbandonando le logiche personalistiche; restituire il potere di scelta al magistrato elettore; allargare la partecipazione, smarcandola dall’ipoteca delle correnti; dare cittadinanza alle diverse professionalità, introducendo meccanismi di riequilibrio che assicurino una risposta alla questione, non più eludibile, della corretta rappresentanza di genere. Sono queste le proposte di Magistratura democratica per la riforma del sistema elettorale del CSM, elaborate all’esito di un percorso di riflessione collettiva avviato con il seminario del 3 giugno e proseguito nel Consiglio nazionale dell’11 giugno.

Combattere le radici della degenerazione

Per uscire dalla palude del carrierismo: alcune proposte di Magistratura democratica

Temporaneità effettiva degli incarichi direttivi e semi-direttivi e ritorno al concorso di primo grado. Alcune semplici indicazioni per iniziare ad affrontare il nodo del carrierismo e per restituire alla giurisdizione il volto costituzionale di una magistratura distinta soltanto per funzioni.

Associazione Nazionale Magistrati

Verso le elezioni del Comitato direttivo centrale

Il futuro dell’ANM e del CSM è legato ai valori del pluralismo culturale, della rappresentanza e della parità di genere. Solo così l’Associazione e il sistema dell’autogoverno potranno ritrovare fiducia e autorevolezza tra i magistrati e nell’opinione pubblica

Elezioni supplettive CSM

Il valore dell’associazionismo e le dichiarazioni di Di Matteo

Magistratura Democratica ha sempre rivendicato il ruolo culturale delle correnti e, per questo, è sempre stata consapevole della necessità di vigilanza critica ed autocritica sui rischi di degenerazione verso logiche di mera appartenenza

Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019

Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica

Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019