Buon compleanno, Antigone!

Anniversari

Buon compleanno, Antigone!

Gli auguri di Magistratura democratica all'associazione Antigone, in occasione del suo trentesimo anniversario.

Buon compleanno, Antigone!

Il 18 febbraio 2021 sono trenta. Trent’anni di riflessione critica e necessaria sul conflitto, riducibile ma ineliminabile, tra il potere di punire e la persona umana.  Di denuncia e racconto del carcere e delle condizioni della detenzione di massa. Di attenzione concreta alla vita dietro alle sbarre –  “dentro ogni carcere” – grazie al lavoro degli Osservatori, della Rivista e ai fondamentali Rapporti sulle condizioni di detenzione. Con un occhio sempre vigile sulle condizioni dei disperati, dei marginali, dei tossicodipendenti, degli stranieri.

Trent’anni, ancora, di impegno per le garanzie e i limiti, contro i pericoli e gli eccessi delle legislazioni d’emergenza e dei pacchetti-sicurezza, contro la tortura, per una giustizia meno di classe e più umana. 

Trent’anni di scommesse lungimiranti: parlavi di “Diritti in carcere” e difensore civico, a Padova, nel 1997, sedici anni prima della legge istitutiva del Garante nazionale delle persone private della libertà personale.

Trent’anni di battaglie. Alcune vinte. Era il 1996 quando la Corte costituzionale, recependo i temi del dibattito da voi portato avanti, dichiarava costituzionalmente illegittima la formula delle “sufficienti assicurazioni” ai fini della concessione dell’estradizione per fatti in ordine ai quali è stabilita la pena di morte dalla legge dello Stato estero. Molte in corso con buoni frutti, alcuni dei quali coagulati anche in decisioni giudiziarie, se è vero che Viola, per chi si intende di carcere, non è più solo un colore, ma un rampa di lancio verso un diritto conforme all’art. 3 CEDU (Corte Edu Viola c. Italia, 13 giugno 2019). Alcune ancora tutte da fare, ma con argomenti in grado di sollecitare i giudici a un esercizio della giurisdizione penale più consapevole delle cose e della carne del carcere e della pena.

C’è ancora tanto da costruire, a tutti i livelli, per vedere realizzato un diritto penale minimo e non sfigurante. Perciò Antigone, come direbbero i fondatori! 

Intanto, da amici e compagni di strada, vi facciamo gli auguri e vi ringraziamo.

                                                                 Magistratura democratica

18/02/2021

Articoli Correlati

Eventi

Assemblea Aperta - Vibo Valentia

 

ASSEMBLEA APERTA

Giovedì 9 giugno - ore 16.30


Aula “Emilio Sacerdote”

Tribunale di Vibo Valentia  

Penale

A margine di un processo per tortura


Il 20 aprile 2022  il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Torino ha disposto il rinvio a giudizio di ventidue persone, tra essi numerosi operatori dell’amministrazione penitenziaria accusati tra l’altro del delitto di tortura, commesso, stando all’accusa, in danno di persone detenute nel carcere di Torino; 

2'MD

Cucinare al fresco


Arianna Augustoni, coordinatrice del progetto socio-editoriale ‘Cucinare al fresco’, spiega come è nata questa iniziativa che ha mosso i primi passi nel carcere del Bassone di Como.

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Il sollecito di Mattarella


La dirigenza di Magistratura democratica guarda con rispetto e attenzione alle indicazioni che il Presidente della Repubblica ha riservato al mondo della giustizia.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).