Buon compleanno, Antigone!

Anniversari

Buon compleanno, Antigone!

Gli auguri di Magistratura democratica all'associazione Antigone, in occasione del suo trentesimo anniversario.

Buon compleanno, Antigone!

Il 18 febbraio 2021 sono trenta. Trent’anni di riflessione critica e necessaria sul conflitto, riducibile ma ineliminabile, tra il potere di punire e la persona umana.  Di denuncia e racconto del carcere e delle condizioni della detenzione di massa. Di attenzione concreta alla vita dietro alle sbarre –  “dentro ogni carcere” – grazie al lavoro degli Osservatori, della Rivista e ai fondamentali Rapporti sulle condizioni di detenzione. Con un occhio sempre vigile sulle condizioni dei disperati, dei marginali, dei tossicodipendenti, degli stranieri.

Trent’anni, ancora, di impegno per le garanzie e i limiti, contro i pericoli e gli eccessi delle legislazioni d’emergenza e dei pacchetti-sicurezza, contro la tortura, per una giustizia meno di classe e più umana. 

Trent’anni di scommesse lungimiranti: parlavi di “Diritti in carcere” e difensore civico, a Padova, nel 1997, sedici anni prima della legge istitutiva del Garante nazionale delle persone private della libertà personale.

Trent’anni di battaglie. Alcune vinte. Era il 1996 quando la Corte costituzionale, recependo i temi del dibattito da voi portato avanti, dichiarava costituzionalmente illegittima la formula delle “sufficienti assicurazioni” ai fini della concessione dell’estradizione per fatti in ordine ai quali è stabilita la pena di morte dalla legge dello Stato estero. Molte in corso con buoni frutti, alcuni dei quali coagulati anche in decisioni giudiziarie, se è vero che Viola, per chi si intende di carcere, non è più solo un colore, ma un rampa di lancio verso un diritto conforme all’art. 3 CEDU (Corte Edu Viola c. Italia, 13 giugno 2019). Alcune ancora tutte da fare, ma con argomenti in grado di sollecitare i giudici a un esercizio della giurisdizione penale più consapevole delle cose e della carne del carcere e della pena.

C’è ancora tanto da costruire, a tutti i livelli, per vedere realizzato un diritto penale minimo e non sfigurante. Perciò Antigone, come direbbero i fondatori! 

Intanto, da amici e compagni di strada, vi facciamo gli auguri e vi ringraziamo.

                                                                 Magistratura democratica

18/02/2021

Articoli Correlati

In mezzo al fango e alla neve

La rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si terrà il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa

Per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si terrà il seminario organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Diritto e genere

Dal pregiudizio all’orgoglio

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 19 febbraio 2021, su piattaforma Teams, si è tenuto il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai rapporti tra genere e diritto.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Le valutazioni di professionalità dei magistrati

Il sismografo

Il “sismografo” della professionalità non funziona: appiattisce i meriti, resi uniformi dal linguaggio burocratico, e non registra quasi mai le cadute di professionalità. Per rendere effettiva la responsabilità professionale dei magistrati è necessario indicare rimedi credibili, iniziando a “controllare i controllori” e introducendo la facoltà per i cd. componenti laici dei consigli giudiziari (avvocati e professori universitari) di partecipare alle discussioni e deliberazioni relative alle valutazioni di professionalità dei magistrati.

Il carcere, il virus e noi

Per una penalità umana, diversa e differenziata

Anche nell’attuale situazione di grave crisi sanitaria restano numerosi i detenuti che scontano pene irrisorie, non potendo accedere ad alternative al carcere soltanto perché privi di risorse, a partire da un’abitazione. Queste condizioni di marginalità sociale, troppo frequenti nel carcere, impongono di immaginare una penalità diversa e differenziata, a partire dalla struttura dei reati e dalle ipotesi di sanzione, per arrivare a modelli penitenziari alternativi alla prigione. Rispondere solo con le parole "più carcere" e "più carceri’" significa, infatti, chiudere gli occhi davanti ad una realtà, qual è quella attuale, che troppo spesso vede le prigioni soltanto come luoghi per immagazzinare corpi, senza concrete e realistiche possibilità di risocializzazione.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.

Associazione Nazionale Magistrati

La nuova Giunta unitaria

Con la ritrovata unità associativa si è realizzato un obiettivo che in questi mesi abbiamo sempre indicato come prioritario per avviare un percorso di profondo rinnovamento, in grado di coinvolgere e mettere in gioco tutta la magistratura associata in un progetto comune e condiviso: quello di dare linfa ad una nuova etica professionale e di ricostruire una comune identità collettiva, basata sui valori della Costituzione.