Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’<i>essere</i> e del <i>fare</i>

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

Walter era un “figlio del popolo” o, meglio, figlio di quella gente di Brianza tutta sostanza e senza alcun fronzolo, interprete di quella “vita attiva” che intende il lavoro come dedizione, come crescita e realizzazione propria e come bene comune.

Crebbe, come molta della gente di Brianza, in una cultura fatta di sacrificio, di disponibilità, apertura, sorriso, fermezza, di condivisione. Che non ha mai escluso nessuno. Ma ha sempre accolto. Tutti. Senza se e senza ma.

Fu il primo della gente di Brianza ad arrivare al Tribunale di Monza, in quegli anni (sembra incredibile ora) avamposto perennemente “sguarnito” e mai ad organico di Magistrati completo, al punto di essere inserito – al momento della scelta – quale sede “disagiata”.

E Walter ci arrivò dopo un tirocinio in cui non ebbe maestri. Ebbe Modelli.

I maestri ti insegnano la tecnica: cosa e come fare.

I Modelli ci dicono come essere.

Walter apprese dai suoi modelli di allora “l’essere magistrato”, il cosa e come fare vennero da sé. O meglio, vennero dal suo studio, dalla sua preparazione sempre continua e molto più vasta e profonda di quanto si sia mai saputo, venne dalla sua curiosità (professionale e no), venne dalla sua voglia di sapere.

E siccome non ebbe maestri ma modelli, diventò, a sua volta, modello di professione; mostrando (non insegnando) agli altri come debba essere una persona che “fa” il Magistrato.

Il maestro insegna, il modello spinge alla imitazione.

Anche la scelta di appartenere ad un orizzonte associativo gli fu ispirata dai suoi modelli.

Nessuno su di lui fece proselitismo. Nessuno gli promise nulla.

Se i suoi modelli stavano lì, in quella koiné associativa, neppure si chiese dove andare, semplicemente li seguì. Senza che nessuno dicesse “vieni”. Seguì e basta.

E lì rimase. Con fede e delusioni. Con sano realismo e disincantati ideali.

I maestri muoiono, a volte. I modelli rimangono. Per sempre.

Ciao Walter, fratello di Brianza, addio amico amato; modello dell’essere e del fare.

Cercheranno, molti, di essere come sei stato tu.

In molti rimarremo dove stavi tu. Perché ci stavi tu.

Disillusi, forse. Ma pur sempre fedeli. Come lo sei stato tu.

L’una e l’altra cosa segno indelebile della tua orma nella storia di quelli che ti ebbero amico e che ti avranno per sempre come modello.

08/04/2020

Articoli Correlati

venerdì 14 maggio 2021, ore 16:30/18:30

"Il nocchiere... in gran tempesta": il giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 14 maggio 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia, dedicato ai temi del giudice e della giustizia del lavoro.

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.

venerdì 26 marzo 2021, ore 16:30/19:00

In mezzo al fango e alla neve: la rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

venerdì 12 marzo 2021, ore 16:00/18:00

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa: per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

venerdì 19 febbraio 2021, ore 16:00/18:00

Diritto e genere: dal pregiudizio all’orgoglio

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 19 febbraio 2021, su piattaforma Teams, si è tenuto il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai rapporti tra genere e diritto.

Anniversari

Buon compleanno, Antigone!

Gli auguri di Magistratura democratica all'associazione Antigone, in occasione del suo trentesimo anniversario.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.