Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’<i>essere</i> e del <i>fare</i>

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

Walter era un “figlio del popolo” o, meglio, figlio di quella gente di Brianza tutta sostanza e senza alcun fronzolo, interprete di quella “vita attiva” che intende il lavoro come dedizione, come crescita e realizzazione propria e come bene comune.

Crebbe, come molta della gente di Brianza, in una cultura fatta di sacrificio, di disponibilità, apertura, sorriso, fermezza, di condivisione. Che non ha mai escluso nessuno. Ma ha sempre accolto. Tutti. Senza se e senza ma.

Fu il primo della gente di Brianza ad arrivare al Tribunale di Monza, in quegli anni (sembra incredibile ora) avamposto perennemente “sguarnito” e mai ad organico di Magistrati completo, al punto di essere inserito – al momento della scelta – quale sede “disagiata”.

E Walter ci arrivò dopo un tirocinio in cui non ebbe maestri. Ebbe Modelli.

I maestri ti insegnano la tecnica: cosa e come fare.

I Modelli ci dicono come essere.

Walter apprese dai suoi modelli di allora “l’essere magistrato”, il cosa e come fare vennero da sé. O meglio, vennero dal suo studio, dalla sua preparazione sempre continua e molto più vasta e profonda di quanto si sia mai saputo, venne dalla sua curiosità (professionale e no), venne dalla sua voglia di sapere.

E siccome non ebbe maestri ma modelli, diventò, a sua volta, modello di professione; mostrando (non insegnando) agli altri come debba essere una persona che “fa” il Magistrato.

Il maestro insegna, il modello spinge alla imitazione.

Anche la scelta di appartenere ad un orizzonte associativo gli fu ispirata dai suoi modelli.

Nessuno su di lui fece proselitismo. Nessuno gli promise nulla.

Se i suoi modelli stavano lì, in quella koiné associativa, neppure si chiese dove andare, semplicemente li seguì. Senza che nessuno dicesse “vieni”. Seguì e basta.

E lì rimase. Con fede e delusioni. Con sano realismo e disincantati ideali.

I maestri muoiono, a volte. I modelli rimangono. Per sempre.

Ciao Walter, fratello di Brianza, addio amico amato; modello dell’essere e del fare.

Cercheranno, molti, di essere come sei stato tu.

In molti rimarremo dove stavi tu. Perché ci stavi tu.

Disillusi, forse. Ma pur sempre fedeli. Come lo sei stato tu.

L’una e l’altra cosa segno indelebile della tua orma nella storia di quelli che ti ebbero amico e che ti avranno per sempre come modello.

08/04/2020

Articoli Correlati

In mezzo al fango e alla neve

La rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si terrà il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa

Per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si terrà il seminario organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Diritto e genere

Dal pregiudizio all’orgoglio

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 19 febbraio 2021, su piattaforma Teams, si è tenuto il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai rapporti tra genere e diritto.

Anniversari

Buon compleanno, Antigone!

Gli auguri di Magistratura democratica all'associazione Antigone, in occasione del suo trentesimo anniversario.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Le valutazioni di professionalità dei magistrati

Il sismografo

Il “sismografo” della professionalità non funziona: appiattisce i meriti, resi uniformi dal linguaggio burocratico, e non registra quasi mai le cadute di professionalità. Per rendere effettiva la responsabilità professionale dei magistrati è necessario indicare rimedi credibili, iniziando a “controllare i controllori” e introducendo la facoltà per i cd. componenti laici dei consigli giudiziari (avvocati e professori universitari) di partecipare alle discussioni e deliberazioni relative alle valutazioni di professionalità dei magistrati.

Il carcere, il virus e noi

Per una penalità umana, diversa e differenziata

Anche nell’attuale situazione di grave crisi sanitaria restano numerosi i detenuti che scontano pene irrisorie, non potendo accedere ad alternative al carcere soltanto perché privi di risorse, a partire da un’abitazione. Queste condizioni di marginalità sociale, troppo frequenti nel carcere, impongono di immaginare una penalità diversa e differenziata, a partire dalla struttura dei reati e dalle ipotesi di sanzione, per arrivare a modelli penitenziari alternativi alla prigione. Rispondere solo con le parole "più carcere" e "più carceri’" significa, infatti, chiudere gli occhi davanti ad una realtà, qual è quella attuale, che troppo spesso vede le prigioni soltanto come luoghi per immagazzinare corpi, senza concrete e realistiche possibilità di risocializzazione.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.