Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’<i>essere</i> e del <i>fare</i>

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

Walter era un “figlio del popolo” o, meglio, figlio di quella gente di Brianza tutta sostanza e senza alcun fronzolo, interprete di quella “vita attiva” che intende il lavoro come dedizione, come crescita e realizzazione propria e come bene comune.

Crebbe, come molta della gente di Brianza, in una cultura fatta di sacrificio, di disponibilità, apertura, sorriso, fermezza, di condivisione. Che non ha mai escluso nessuno. Ma ha sempre accolto. Tutti. Senza se e senza ma.

Fu il primo della gente di Brianza ad arrivare al Tribunale di Monza, in quegli anni (sembra incredibile ora) avamposto perennemente “sguarnito” e mai ad organico di Magistrati completo, al punto di essere inserito – al momento della scelta – quale sede “disagiata”.

E Walter ci arrivò dopo un tirocinio in cui non ebbe maestri. Ebbe Modelli.

I maestri ti insegnano la tecnica: cosa e come fare.

I Modelli ci dicono come essere.

Walter apprese dai suoi modelli di allora “l’essere magistrato”, il cosa e come fare vennero da sé. O meglio, vennero dal suo studio, dalla sua preparazione sempre continua e molto più vasta e profonda di quanto si sia mai saputo, venne dalla sua curiosità (professionale e no), venne dalla sua voglia di sapere.

E siccome non ebbe maestri ma modelli, diventò, a sua volta, modello di professione; mostrando (non insegnando) agli altri come debba essere una persona che “fa” il Magistrato.

Il maestro insegna, il modello spinge alla imitazione.

Anche la scelta di appartenere ad un orizzonte associativo gli fu ispirata dai suoi modelli.

Nessuno su di lui fece proselitismo. Nessuno gli promise nulla.

Se i suoi modelli stavano lì, in quella koiné associativa, neppure si chiese dove andare, semplicemente li seguì. Senza che nessuno dicesse “vieni”. Seguì e basta.

E lì rimase. Con fede e delusioni. Con sano realismo e disincantati ideali.

I maestri muoiono, a volte. I modelli rimangono. Per sempre.

Ciao Walter, fratello di Brianza, addio amico amato; modello dell’essere e del fare.

Cercheranno, molti, di essere come sei stato tu.

In molti rimarremo dove stavi tu. Perché ci stavi tu.

Disillusi, forse. Ma pur sempre fedeli. Come lo sei stato tu.

L’una e l’altra cosa segno indelebile della tua orma nella storia di quelli che ti ebbero amico e che ti avranno per sempre come modello.

08/04/2020

Articoli Correlati

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Il sollecito di Mattarella


La dirigenza di Magistratura democratica guarda con rispetto e attenzione alle indicazioni che il Presidente della Repubblica ha riservato al mondo della giustizia.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.

Comunicati

La testimonianza di David Sassoli

"L'Europa deve ritrovare l'orgoglio del suo modello democratico. Dobbiamo fermamente desiderare che questo modello di democrazia, di libertà e di prosperità si diffonda, che attiri, che faccia sognare e non solo i nostri stessi concittadini europei, ma anche al di là delle nostre frontiere."

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Tracciare una strada

Relazione scritta dell’intervento tenuto da Fabrizio Filice al Consiglio nazionale di Md dell’11 dicembre 2021.