Sulla "tenuità del fatto"

Comunicato

Sulla "tenuità del fatto"

di Esecutivo di Magistratura Democratica

Fra le tante riforme annunciate, condividiamo la proposta governativa della non punibilità per alcuni reati, nei casi di “particolare tenuità del fatto”.

Questa soluzione muove verso l'obiettivo del “diritto penale minimo” che è da sempre parte del percorso culturale di Magistratura Democratica. Invero, il lavoro giudiziario mostra ogni giorno come fatti, pure astrattamente configurabili come reati, non sono in grado di ledere il bene protetto dalla norma incriminatrice.

Alcuni opinionisti, evidenti epigoni della infinita stagione del populismo penale, hanno contestato la proposta, ritenendo che così lo Stato si “arrenderebbe ai criminali” oppure che così la punibilità rimarrebbe soggetta all’arbitrio del Giudice.

Nessuna delle due critiche è fondata.

La non punibilità per “particolare tenuità del fatto” non è una depenalizzazione perché non elimina, come da alcuni erroneamente sostenuto, i reati. Esclude la punibilità solo quando, in concreto, per le modalità della condotta del reo o per la lievità delle sue conseguenze, non sia arrecata alcuna offesa ai beni protetti dalle norme penali.

Risponde, insomma, al principio fondante della civiltà giuridica secondo il quale se non vi è offesa, non vi deve neppure essere sanzione. Ovviamente, restano ferme le eventuali responsabilità civili e disciplinari dell’autore. Non c’è nemmeno il rischio di arbitri del giudice.

Il giudice penale è già abituato a valutare l’effettiva gravità del fatto, quando concede le circostanze attenuanti generiche o computa la pena. L’irrilevanza penale del fatto è da anni applicata dal giudice di pace penale e dai giudici del Tribunale per i minorenni. Il giudizio deve essere motivato ed ancorato ad una effettiva valutazione del fatto posto in essere e della personalità dell’autore.

Infine, non si devono dimenticare gli effetti deflattivi che la riforma potrebbe realizzare, permettendo di concentrare maggiori risorse su processi e reati, che effettivamente ledono beni individuali e collettivi.

Spiace che ragioni propagandistiche possano rallentare l’approvazione della proposta, una delle poche effettivamente pensate per migliorare l’amministrazione della giustizia penale.

Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica

(27/12/2014)

27/12/2014

Articoli Correlati

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.

venerdì 12 marzo 2021, ore 16:00/18:00

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa: per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Il "caso Calabria"

Il Pubblico Ministero, il giudice e la comunicazione

Crediamo nel ruolo del Pubblico Ministero che, quale primo tutore delle garanzie e dei diritti costituzionali, agisce nella consapevolezza della necessaria relatività delle ricostruzioni accusatorie e della necessità di verificarle nel contraddittorio, e non in quello di parte interessata soltanto al conseguimento del risultato, lontano dalla cultura della giurisdizione e dall’attenzione all’accertamento conseguito nel processo. E crediamo nell’impegno dei magistrati che, anche nei contesti territoriali più difficili, continuano a svolgere con questa consapevolezza le loro funzioni, incarnando una giurisdizione terza e imparziale, vera precondizione per un esercizio corretto del difficile compito di giudicare.