La mozione finale

Congresso Anm

La mozione finale

di Esecutivo di Magistratura Democratica

L’Associazione Nazionale Magistrati, all’esito del dibattito congressuale, si riconosce nei principi affermati nella relazione introduttiva del Presidente (LEGGI). 



Ribadisce la necessità del recupero di una forte responsabilità istituzionale nel segno del rispetto verso la giurisdizione e la magistratura come condizione irrinunciabile per le buone riforme che restituiscano alla giustizia piena qualità, tempi ragionevoli ed efficacia nell’interesse dei cittadini. 



Va riaffermata la centralità del processo come luogo di realizzazione dei principi di legalità attraverso la tutela dei diritti e l’accertamento delle responsabilità.

Roma, 27 ottobre 2013


27/10/2013

Articoli Correlati

Pubblico ministero e Costituzione

Il documento delle Procure e la necessità di un confronto

Il recente documento siglato tra alcuni Procuratori e l'UCPI costituisce un'occasione preziosa per riflettere sui cambiamenti culturali che hanno interessato la magistratura requirente e che ne hanno determinato il progressivo allontanamento dal suo progetto costituzionale di potere diffuso, in favore di un modello individualistico e verticistico, improntato alla logica della performance, della burocrazia e dei numeri.

Associazione Nazionale Magistrati

Unità associativa e rinnovamento

L’unità associativa non è un’insegna utile a celare pratiche consociative o ripiegamenti corporativi, ma un valore da perseguire attraverso la condivisione di un progetto di rinnovamento, che porti avanti una riflessione sulle ragioni più profonde della crisi della magistratura, aprendo una fase nuova per l’associazionismo giudiziario. In uno sforzo di riflessione collettiva, critica ed autocritica, che superi atteggiamenti di autoreferenzialità e preoccupazioni tattiche o di parte.

Associazione Nazionale Magistrati

Verso le elezioni del Comitato direttivo centrale

Il futuro dell’ANM e del CSM è legato ai valori del pluralismo culturale, della rappresentanza e della parità di genere. Solo così l’Associazione e il sistema dell’autogoverno potranno ritrovare fiducia e autorevolezza tra i magistrati e nell’opinione pubblica

Elezioni supplettive CSM

Il valore dell’associazionismo e le dichiarazioni di Di Matteo

Magistratura Democratica ha sempre rivendicato il ruolo culturale delle correnti e, per questo, è sempre stata consapevole della necessità di vigilanza critica ed autocritica sui rischi di degenerazione verso logiche di mera appartenenza

Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019

Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019

Giudici e politica

Sull’intervista di Antonello Racanelli

Nell’intervista al segretario di Magistratura Indipendente la prospettiva fuorviante dell’apoliticità, coniugata a una sostanziale omogeneità alle posizioni della maggioranza di governo

Polonia

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto

Europa

Le sfide di Medel oggi

Globalizzazione e diritti fondamentali