Il ricordo

D'ambrosio

Il ricordo

In memoria di Gerardo D’Ambrosio. 

Quando una persona è stata fondamentale per la nostra formazione umana e professionale noi ne siamo ovviamente consapevoli anche quando la persona è ancora in vita. Ma quando la persona muore, e il dolore acuisce quella consapevolezza, allora scaturiscono in noi i ricordi più preziosi. 

Oggi i miei ricordi preziosi risalgono ai primissimi anni Settanta, quando Gerardo D’Ambrosio, nel palazzo di giustizia di Milano, era un giudice istruttore affermato che si stava occupando, tra l’altro, della strage di Piazza Fontana, ma trovava anche il tempo di insegnare ai magistrati alle prime armi, tra i quali c’ero anch’io, il mestiere difficile del giudice istruttore.

Gerardo ci diceva che il magistrato inquirente deve essere scrupoloso fino all’inverosimile, e a questo proposito mi è rimasta impressa una sua frase paradossale quanto significativa:  “Quando esamini un documento devi arrivare fino all’estremo di staccare il francobollo per vedere se c’è scritto qualcosa sotto”.  Ma sottolineava anche che il magistrato inquirente deve essere umile, nel senso che deve saper mettere in discussione la sera il lavoro svolto da lui stesso durante il giorno. 

Non saprei che altro aggiungere, se non che sono fiero di essere stato, all’inizio degli anni Duemila, uno dei procuratori aggiunti della Procura della Repubblica da lui diretta.

Grazie, Gerardo, magistrato di grande limpidezza, mio carissimo e indimenticabile amico e Maestro.

Giuliano Turone


Leggi anche: Canepa: "Ci mancherà" - Il ricordo di A.Spataro


(31 marzo 2014)

31/03/2014

Articoli Correlati

A vent'anni da Genova 2001

Non dimenticare, guardando avanti

A vent'anni dai fatti di Genova ci troviamo a constatare la persistente difficoltà della giurisdizione nell'entrare, in profondità, nei fatti di abuso contro le persone private della libertà e nell'accertare le reali dinamiche degli eventi. Insistere oggi, comepiù di vent'anni fa, per la migliore attuazione della speciale protezione che la Costituzione assegna alle persone private della loro libertà è il modo più sincero e propositivo di ricordare le immagini indelebili della Caserma di Bolzaneto e della scuola Diaz.

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici

In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo

In ricordo

Per Salvatore Senese

Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci

In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)

In ricordo

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati

Ricordando Walter

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia