Dichiarazione di Medel (<i>Magistrats européens pour la démocratie et les libertés</i>) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali

Medel esprime grave preoccupazione per l’impatto che avranno sull’attività di soccorso in mare le misure introdotte in Italia con il cd. decreto sicurezza bis ( n. 53 del 14 giugno 2019), recentemente approvate dal Parlamento.

È facile prevedere che la possibilità per il Ministro dell’Interno di limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale per motivi di “ordine o sicurezza pubblica”, con pesantissime sanzioni previste nei casi di violazione del divieto, porterà inevitabilmente alla fine alle operazioni di salvataggio nel Mediterraneo svolte dalle ONG.

Abbiamo assistito a lungo, nel dibattito politico e nei media, alla criminalizzazione dell’attività svolta dai volontari, finalizzata ad avallare nell’opinione pubblica l’idea di un legame fra i soccorritori e i trafficanti di esseri umani. La costante rappresentazione dell’immigrazione come un  pericolo per la sicurezza nazionale ha in questi mesi  supportato  la “politica dei porti chiusi”,  in contrasto con il più elementare senso di umanità e con gli  obblighi inderogabili che gravano sugli Stati in materia di tutela dei diritti umani.

Questa strategia, in assenza di una politica europea in grado di contrastarla, ha  ostacolato l’intervento delle ONG che, come ribadito anche di recente nella dichiarazione congiunta del 23 luglio 2019 dell’Alto Commissario della Nazioni Unite per i rifugiati e il Direttore Generale dell’OIM, ha svolto un ruolo fondamentale nel salvare la vita dei profughi soccorsi in mare.

L’introduzione di misure draconiane in relazione a violazioni del tutto indefinite aggrava la situazione di pressione sull’azione dei volontari, per i quali già sussiste il rischio di essere sottoposti ad indagini per violazioni relative alle leggi nazionali in materia di immigrazione.

L’effetto di  tali misure è un’ inversione dei valori sanciti nelle Costituzioni e nella Carte dei diritti, che antepone presunte ragioni di sicurezza alla protezione della vita umana.

Medel ha più volte richiamato le responsabilità di tutti gli stati membri e dell’Unione europea, denunciando la distanza fra le attuali politiche di gestione del fenomeno migratorio e l’impegno  assunto  nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione, di fronte dell’intera comunità umana e delle generazioni future, di  garantire  a tutti il godimento dei diritti fondamentali.

Su questa promessa si fonda il futuro dell’Europa e delle democrazia europee.

Trasformare l’immigrazione in una insostenibile minaccia per la sicurezza fa parte di un disegno più generale che mira a sovvertire l’assetto dell’Europa Unita con un ossessivo richiamo alla “sovranità nazionale” e il rifiuto dei valori universali sui quali l’Unione si fonda.

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con questi valori, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità, e deve oggi adottare con urgenza una politica per assicurare effettività alla tutela dei diritti delle persone, che rappresenta un  limite invalicabile  per  tutti i governi e i legislatori nazionali.

14/08/2019

Articoli Correlati

Adesione di Magistratura democratica

Accordo con la Libia #Nonsonodaccordo


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione del 26 ottobre indetta da oltre 40 organizzazioni della società civile per la revoca del Memorandum con la Libia.

Noi e Medel

Libertà per Murat Arslan e per tutti i giudici destituiti e arrestati in Turchia

 
Le associazioni europee di magistrati, riunite nella "Platform for an independent Judiciary in Turkey" chiedono l’immediata liberazione di Murat Arslan e di tutti gli altri giudici e pubblici ministeri destituiti e arrestati.

Noi e Medel

Ricorso associazioni giudici europei a Corte UE su PNRR Polonia: "chiediamo efficace tutela dell'indipendenza dei giudici"


Quattro organizzazioni europee di giudici citano in giudizio il Consiglio dell'UE per aver ignorato le sentenze del Tribunale dell'UE nella decisione di sbloccare i fondi alla Polonia.

Noi e Medel

La lettera della Platform for an Indipendent Judiciary in Turkey


La lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey del 15 luglio 2022 indirizzata a 


Presidente della Commissione Europea,  Ursula von der Leyen, 
Commissario Europeo per il Vicinato e l’allargamento, Olivér Várhelyi 
Commissario Europeo per la Giustizia, Didier Reynders 
Presidente del Consiglio  Europeo, Charles Michel 
Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola 
Segretario Generale del Consiglio d’ Europa, Marija Pejčinović Burić