Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Medel esprime grande preoccupazione per i recenti  eventi che coinvolgono il sistema giudiziario in Bulgaria, indicativi del crescente livello di  aggressione portato all’indipendenza della magistratura sia con attacchi  ai  singoli giudici che  con proposte di riforma volte a limitarne la libertà di associazione.

Le accuse rivolte pubblicamente da esponenti politici ed istituzionali ai giudici della Corte di  Appello di Sofia - che nello scorso  settembre hanno concesso la libertà condizionale a un cittadino australiano - di aver agito per finalità estranee ai fini di Giustizia, accompagnate dalla  richiesta di interventi sanzionatori o di destituzione dei magistrati, e dall’amplificazione di  tali accuse attraverso i media e con manifestazioni di protesta nelle piazze, non rappresentano esercizio del diritto di critica, che in ogni stato deve essere pienamente garantito, anche rispetto alle decisioni giudiziarie.

Costituiscono invece una grave forma di delegittimazione dell’ istituzione giudiziaria attraverso una inaccettabile strumentalizzazione del forte impatto emotivo del fatto di reato sulla pubblica opinione.

A questo proposito, MEDEL ricorda che l'art. 10, par. 2, della Convenzione europea dei diritti dell'uomo afferma espressamente che l'esercizio della libertà di espressione, "poiché comporta doveri e responsabilità, può essere soggetto a tali formalità, condizioni, restrizioni o sanzioni (....) per mantenere l'autorità e l'imparzialità della magistratura".

Medel apprende con eguale preoccupazione che in tale contesto il Supreme Judicial Council, attraverso una dichiarazione  pubblica del Juges’ College, ha preso posizione affermando che i giudici hanno “oltrepassato  il confine fra legge e giustizia”, investendo della questione l’Ispettorato del Consiglio Superiore per l’avvio dell’azione disciplinare contro i giudici componenti della Corte, e che sono stati in questi giorni nuovamente riproposti in Parlamento proposte di riforma per limitare la libertà di associazione  dei magistrati.

A fronte della grave situazione delineata dall’insieme di queste circostanze per l’indipendenza del sistema giudiziario, richiamando i principi della dichiarazione di Sofia del 17.11.2018, MEDEL ribadisce che :

-come sottolineato dal CCJ nel parere n. 18 (2015), La posizione della magistratura e la sua relazione con gli altri poteri dello stato in una democrazia moderna, “esiste un chiaro confine tra libertà di espressione e legittima critica da un lato e mancanza di rispetto e indebite pressioni sul potere giudiziario dall'altro. I politici non dovrebbero usare argomenti semplicistici o demagogici per fare critiche alla magistratura durante le campagne politiche e non devono mai incoraggiare la disobbedienza alle decisioni giudiziarie e tanto meno la violenza contro i giudici.I poteri esecutivo e legislativo hanno il dovere di fornire tutta la protezione necessaria e adeguata laddove le funzioni dei tribunali siano messe in pericolo da attacchi o intimidazioni dirette ai membri della magistratura. I commenti critici non equilibrati da parte dei politici sono irresponsabili e causano un grave problema perché la  fiducia della collettività nella magistratura può quindi essere indebitamente o deliberatamente indebolita. In tali casi, la magistratura deve sottolineare che tale comportamento costituisce un attacco alla costituzione di uno stato democratico nonché un attacco alla legittimità di un altro potere statale. Tale comportamento viola anche gli standard internazionali ”(paragrafo 52);

- i Consigli di giustizia hanno un ruolo fondamentale nella tutela l'indipendenza della magistratura e nella difesa dei singoli giudici svolgendo in modo coerente il loro ruolo di garanti; tale ruolo è cruciale per la protezione dell'indipendenza della magistratura quando la separazione dei poteri è messa in pericolo dai tentativi politici di sfruttare decisioni giudiziarie specifiche e di esercitare pressioni su singoli giudici che chiedono sanzioni e procedimenti disciplinari per il contenuto delle loro decisioni;

secondo i principi contenuti nella Raccomandazione CM / Rec (2010) 12 adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa sulla libertà di associazione dei giudici (p. 25) “i giudici devono essere liberi di formare e unirsi in organizzazioni professionali con gli obiettivi di garantire la loro indipendenza, tutelare i loro interessi e promuovere lo stato di diritto ”.

MEDEL invita a considerare l'impatto che situazioni analoghe a quelle sopra descritte assumono  per la tenuta complessiva dello stato di diritto negli stati membri, in linea con quanto  affermato nella Comunicazione della Commissione Europea  - COM (2019)163, del 3 aprile  2019 laddove si sottolinea che "la magistratura è di importanza fondamentale per lo Stato di diritto" e che “i tentativi da parte dei politici di minarne l'indipendenza e di non rispettare la forza vincolante delle sue decisioni - esercitando pressioni politiche o di altro tipo su singoli giudici, mediante interferenze in casi specifici, il mancato rispetto delle decisioni giudiziarie o la riapertura di decisioni giudiziarie definitive”- rappresentano segnali di allarme per lo Stato di diritto.

MEDEL rinnova il suo sostegno e la sua solidarietà ai giudici minacciati e all’Associazione dei Giudici Bulgari.

11/10/2019

Articoli Correlati

MEDEL

Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

Mai, come in un periodo di emergenza, deve essere mantenuto un elevato livello di vigilanza e controllo sulle violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali. Da parte di tutti: Istituzioni politiche, tribunali e intera comunità giuridica europea

Europa e coronavirus

Emergenza sanitaria in carcere: l'appello al Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa, nell'attuale situazione di grave crisi sanitaria, deve dare impulso a politiche che possano portare a una rapida riduzione del numero dei detenuti. A tutela dei diritti fondamentali di questi ultimi e della salute pubblica

Europa e stato di diritto

Uscire dalla crisi, salvando la democrazia

La riforma che ha conferito poteri straordinari al governo ungherese, scardinando le regole più profonde della democrazia, mina in radice il patrimonio di valori che compongono l’identità europea

Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione