"Per una volta Caselli sbaglia

Dichiarazione

"Per una volta Caselli sbaglia

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Md non vuole 'normalizzazione"

Per una volta Giancarlo Caselli sbaglia.

Magistratura democratica ha a cuore che tutti i processi, a cominciare da quello sulla c.d. "trattativa Stato-mafia", siano celebrati in modo efficace  nella pienezza del contraddittorio e nell'uguaglianza tra le parti.

Con questo spirito l'esecutivo ha reso pubblico un documento che sta facendo discutere. E lo ha fatto perché Magistratura democratica è vicina a tutti i magistrati che in tante sedi, da Milano a Palermo, da Taranto a Torino a Genova, stanno affrontando, fra mille  difficoltà, vicende complesse che coinvolgono interessi di grande rilievo.

Se si ha a cuore la ricerca della verità, soprattutto in materie di grande delicatezza,  si deve pretendere che le  indagini e il processo siano immuni da interferenze e da ogni forma di condizionamento.

Non giovano a questo risultato tutte le manifestazioni che immettono nel dibattito pubblico letture dei fatti che caricano le vicende processuali di significati impropri.

Oggi, grazie alle conquiste che anche per merito di Magistratura democratica consentono ai magistrati di essere davvero indipendenti, è possibile condurre a conclusione accertamenti che riguardano aree dell'economia e delle istituzioni un tempo sottratte al controllo di legalità, e lo si può fare nella fisiologia delle indagini e del processo.

Si tratta di conquiste che dobbiamo tutelare ad ogni costo.

Per questo Md ha sentito il dovere di mettere in guardia dalla crescente drammatizzazione che circonda le indagini palermitane, in quanto  può diventare un fattore di rischio per l'accertamento che ha solo nel processo la sua sede naturale.

Aprire un dibattito  su questi temi e riportarli sul giusto terreno delle regole e delle garanzie è una scelta che privilegia il metodo del confronto, anche interno, nella scia di una tradizione che da quel metodo ha tratto i migliori risultati.

Così come è nostra convinzione che in un Paese democratico non possano esistere zone franche immuni da controllo, allo stesso modo crediamo che anche tra di noi non esistono realtà e persone sottratte al normale confronto.

Per questo respingiamo con decisione l'idea che Magistratura democratica possa essere ritenuta strumento di delegittimazione o di normalizzazione, e rivendichiamo la necessità che la magistratura sappia essere insieme indipendente e responsabile.


Luigi Marini

Presidente di Magistratura democratica
(22 settembre 2012)

22/09/2012

Articoli Correlati

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.

Perfezionare la riforma Orlando

Al fianco della magistratura onoraria

Magistratura democratica esprime il suo sostegno ai magistrati onorari e alle loro richieste di una retribuzione più adeguata e di un regime previdenziale e assicurativo che riconosca alla magistratura onoraria lo status che merita.

Magistratura e politica

Il caso Brescia e i chiarimenti del Ministro

Ancora una volta assistiamo ad un cortocircuito, in cui si sovrappongono la reazione pubblica ad una decisione giudiziaria, la risonanza mediatica per un esito diverso da quello atteso e l’annuncio di iniziative del Ministro della Giustizia in relazione al contenuto di tale decisione. Ma, in questi casi, gli effetti del solo annuncio di iniziative in relazione al merito di una decisione giudiziaria rischiano di assomigliare ad un vero e proprio ammonimento della politica all'indipendenza della magistratura e all'autonomia, anche scientifica, del giudizio.

Associazione Nazionale Magistrati

La nuova Giunta unitaria

Con la ritrovata unità associativa si è realizzato un obiettivo che in questi mesi abbiamo sempre indicato come prioritario per avviare un percorso di profondo rinnovamento, in grado di coinvolgere e mettere in gioco tutta la magistratura associata in un progetto comune e condiviso: quello di dare linfa ad una nuova etica professionale e di ricostruire una comune identità collettiva, basata sui valori della Costituzione.