Documento per il Congresso

Documento per il Congresso

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Di Area, Dell'Anm, e di noi

DOCUMENTO PER IL CONGRESSO

 

A cura  di

David Calabria, Stefano Celli, Riccardo De Vito, Paolo Lepri, Maura Nardin,

Massimo Michelozzi, Antonio Minisola, Andrea Natale,

Marco Panicucci, Francesco Pinto, Emilio Sirianni, Lucia Vignale

 

 

DI AREA, DELL’ANM, E DI NOI

 

L’appuntamento congressuale deve riuscire a costituire – soprattutto oggi – l’occasione di chiarimento e di individuazione dei programmi futuri di lavoro: diversamente, non ha più alcuna reale ragion d’essere.

 

Gran parte delle nostre risorse ed energie sono state assorbite in questi anni – e più che mai negli ultimi tempi - dall’individuazione delle formule organizzative di cui dotare Area per consentirle di procedere ad un’azione autonoma ed autosufficiente, destinata a non essere più circoscritta alle sfere di operatività per cui inizialmente era nata (l’autogoverno centrale e locale).

Nella generale incertezza, appare però evidente (in tal senso abbiamo letto le riflessioni dell’ultimo consiglio nazionale) che – diversamente da ciò che molti ritenevano - Area stenta ad arricchirsi di nuovi contenuti, e sino ad oggi non ha messo al centro della sua azione il ruolo di promozione e tutela dei diritti che è invece centrale e irrinunciabile nella nostra idea di giurisdizione.

Il pericolo è che l’orizzonte si restringa entro confini strettamente professionali: un ambito pericolosamente corporativo che trascura il confronto con la realtà esterna proprio in un momento di crisi, come quello attuale, che impone di non rimanere aristocraticamente indifferenti ai bisogni di giustizia e di non rinunciare a riflettere sul ruolo della magistratura e della giurisdizione.

Comprendiamo la bontà delle ragioni che hanno portato alla scelta di Area quale concreto strumento per superare logiche di appartenenza nella determinazione delle scelte dell’autogoverno.

Dobbiamo però constatare che Area non è riuscita sin qui a soddisfare quelle ragioni, ma in concreto ha operato riproducendo logiche di appartenenza e senza contrastare le inaccettabili distorsioni cui quelle logiche conducono. Allo stato Area non è una “corrente” solo perché le mancano gli organi rappresentativi e i momenti decisionali che i promotori dell’esperienza si stanno sforzando di creare.

Siamo certi dell’onestà intellettuale di coloro che in Area hanno creduto e continuano a credere e ne apprezziamo la sincera volontà di cambiamento. Pensiamo però che l’unica strada percorribile comporti l’abbandono di una visuale tutta interna ai temi della professionalità e limitata alla promozione di un modello di magistratura capace di riflettere solo su se stessa.

Poiché, come sembra, da una tale visuale Area fa fatica a discostarsi, allora l’esperienza di Area deve essere limitata a quella dimensione, e pertanto non si deve operare alcuna “cessione di sovranità” né si devono accettare prospettive di fusione.

 

Per gli stessi motivi non possiamo accontentarci che il campo di azione di Magistratura Democratica si identifichi nel sostegno e nel rafforzamento dell’agire dell’ANM: a cui deve essere lealmente affidata la rappresentatività della magistratura nel suo complesso, ma nel nome della cui unità – oggi peraltro non perseguibile in concreto - non devono sacrificarsi componenti originali e necessarie di pensiero critico e di elaborazione quale è – e deve continuare ad essere – Magistratura Democratica.

Di Magistratura Democratica – tornando alla premessa - si celebra oggi il congresso generale: ed è quindi del progetto di questo soggetto che sentiamo la necessità che si parli per fugare ogni possibile confusione ed incertezza. 

E’ allora di prioritaria importanza che il gruppo dirigente che uscirà dal voto congressuale sia chiamato ad occuparsi solo del governo del gruppo, senza ulteriori incarichi – anche prestigiosi – in organismi dell’Associazione, per rendere evidente, anche dal punto di vista simbolico e di immagine, che Magistratura Democratica svolge lealmente un ruolo all’interno della ANM, ma non è soltanto governo della ANM e opera autonomamente quale soggetto politico per promuovere attraverso la giurisdizione la realizzazione dei Principi Costituzionali di uguaglianza ed emancipazione.

Si potranno così anche evitare faticose (e pertanto improduttive) sovrapposizioni di ruoli. Perché c’è bisogno dell’energia di ognuno - e di tutta l’energia possibile - per il rilancio del pensiero di MD, che dovrà essere capace di ripartire dall’elaborazione del gruppi di lavoro per dare argomenti e ragioni di discussione dentro e fuori il gruppo, e dovrà accrescere la propria capacità di interloquire con la società civile e con tutte le sue espressioni, sociali e politiche.

E’ indispensabile, inoltre, che il Consiglio Nazionale raccolga candidature che non siano solo espressione di realtà locali, ma siano portatrici di competenze professionali complementari e differenziate, capaci di rafforzare l’organismo rappresentativo del gruppo sul piano del pluralismo culturale, su cui innanzitutto vorremmo che MD continuasse a svolgere la sua opera insostituibile ed originale. 

Pensiamo che non sia possibile eludere ancora questi specifici nodi, che attengono alle stesse ragioni d’essere di Magistratura Democratica. Ferme restando le generali affermazioni di principio (che sentiamo condivise dall’intero gruppo) è sul contenuto della sua azione futura che noi crediamo il Congresso debba dare risposte nette, univoche, trasparenti.

Speriamo che intorno alle nostre proposte si apra una discussione franca e coinvolgente, capace di trovare le soluzioni migliori per una MD sempre visibile e protagonista del dibattito dentro e fuori alla magistratura.

Crediamo che questo richieda la partecipazione personale e l’impegno di tutti.

 

David Calabria, Stefano Celli, Riccardo De Vito, Paolo Lepri, Maura Nardin,

Massimo Michelozzi, Antonio Minisola, Andrea Natale,

Marco Panicucci, Francesco Pinto, Emilio Sirianni, Lucia Vignale

25/01/2013

Articoli Correlati

Intervento al Consiglio nazionale di Md

L'affanno della giustizia

Una giustizia in affanno è quotidianamente impegnata, senza risorse adeguate, nel rendere il proprio servizio, molto spesso in uffici che vivono grandi disagi in termini di carenza di organico e di arretrato storico, anche in territori difficili. Una giustizia composta anche da magistrati giovani e in prima linea, che fanno quotidianamente fronte alle carenze ataviche del sistema giustizia. È nostra responsabilità rappresentare all’opinione pubblica questa realtà ed evidenziare un rischio: non ci sarà riforma del processo, penale e civile, valorizzazione dei meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie, o ufficio del processo che potrà produrre il risultato sperato, finché la situazione dei carichi di lavoro, del numero dei magistrati togati e del personale amministrativo non sarà modificata in modo tangibile e non sarà operata una seria razionalizzazione della geografia giudiziaria. Occorrono interventi di riforma ambiziosi e audaci, in grado di consegnare realmente a questo paese una giustizia efficiente, capace di conciliare tempi congrui con un’adeguata tutela dei diritti e delle persone. Cambiare sì, ma in questa direzione.

Politica e processi

I danni dell'«individualismo penale»

Riforma della giustizia, toghe 'star' e referendum: dal protagonismo di alcuni procuratori, che ne ha penalizzato il compromesso finale, alla proposta di riforma del processo penale, quale grande occasione persa. Ne parlano, in un'intervista, la nuova presidente e il nuovo segretario generale di Magistratura democratica.

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.

La riforma cd. "Cartabia"

Dibattito sulla proposta di riforma della giustizia penale

A partire dalle ore 10:00 di sabato 24 luglio 2021, sull'applicativo Teams, si è tenuta la riunione del Consiglio nazionale di Magistratura democratica, convocato per discutere della proposta di riforma della giustizia penale cd. Cartabia.

mercoledì 9 giugno 2021, ore 17:00/19:00

La Palestina, i Palestinesi: giustizia, pace e libertà

A partire dalle ore 17:00 di mercoledì 9 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Palestina, tra giustiziapacelibertà.

venerdì 14 maggio 2021, ore 16:30/18:30

"Il nocchiere... in gran tempesta": il giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 14 maggio 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia, dedicato ai temi del giudice e della giustizia del lavoro.

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.