"I diritti sociali fondamentali dopo il trattato di Lisbona"

Europa

"I diritti sociali fondamentali dopo il trattato di Lisbona"

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Convegno in ricordo di Massimo Roccella

ROMA - E' in programma il 14 giugno 2011, dalle ore 9.30 alle 18, presso il parlamentino del Cnel (viale David Lubin 2), il convegno in ricordo di Massimo Roccella, dal titolo: "I diritti sociali fondamentali dopo il Trattato di Lisbona".

Il Convegno ha come fulcro il significato istituzionale e pratico dell’avvenuta «costituzionalizzazione» dei diritti sociali fondamentali attraverso la conferita obbligatorietà alla Carta di Nizza (art. 6 TUE). L’ipotesi di lavoro è quella di verificare la solidità dei diritti sociali fondamentali previsti, nel loro complesso, dalle Costituzioni nazionali e dal Trattato alla luce dei processi di globalizzazione e delocalizzazione.

Il Convegno intende altresì esaminare criticamente la nuova Strategia 2020 dell’Unione Europea anche in relazione alla Carta di Nizza ed i passi in avanti e le proposte in campo per arrivare a qualcosa di simile ad un governo europeo dell’economia ed a politich economiche, sociali e fiscali «comuni» o almeno convergenti. A partire dalla convinzione che la crisi europea è stata anche il prodotto di un deficit di solidarietà e di coesione, che rischia di compromettere la stessa Europa funzionalistica «dei mercati».

14/06/2011

Articoli Correlati

Convegno

Europa: migranti e richiedenti asilo - Per una svolta di civiltà

Fondazione Basso, ASGI, Magistratura democratica e i sindacati confederali organizzano un convegno sui rapporti fra Europa e migranti.

Lavoro e immigrazione

La regolarizzazione dei lavoratori irregolari: una misura urgente e opportuna

Regolarizzare i lavoratori stranieri che versano in condizioni di illegalità, per contribuire al controllo della diffusione della pandemia e restituire piena dignità al lavoro, nel rispetto della legalità e favorendo il contrasto a tutte le mafie

MEDEL

Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

Mai, come in un periodo di emergenza, deve essere mantenuto un elevato livello di vigilanza e controllo sulle violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali. Da parte di tutti: Istituzioni politiche, tribunali e intera comunità giuridica europea

Europa e coronavirus

Emergenza sanitaria in carcere: l'appello al Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa, nell'attuale situazione di grave crisi sanitaria, deve dare impulso a politiche che possano portare a una rapida riduzione del numero dei detenuti. A tutela dei diritti fondamentali di questi ultimi e della salute pubblica