Comunicati

Il Caso Ingroia e valutazioni del Csm

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Md: "Non stigmatizzare magistrato che dichiara fedeltà alla Costituzione"

La proposta di delibera che la Prima Commissione ha licenziato con riferimento alle dichiarazioni rese dal dr.Antonio Ingroia in occasione di un congresso di partito esclude, come è ovvio, la sussistenza di possibili rilievi disciplinari e la sussistenza di elementi rilevanti ai fini del trasferimento d’ufficio. Nonostante queste conclusioni, che impongono l’archiviazione della pratica aperta su richiesta dei consiglieri Zanon e Calvi, la proposta prevede la trasmissione degli atti alla commissione competente per le valutazioni di professionalità affinché consideri l’inserimento della delibera nel fascicolo personale del magistrato. 

Tale ipotesi, che sottende non chiari rilievi di ordine deontologico, apre una pagina preoccupante nella vita del Consiglio e nella professione dei magistrati, introducendo opinabili considerazioni critiche legate alla opportunità delle manifestazioni del pensiero che il magistrato effettui partecipando al dibattito pubblico.Ciò è tanto più preoccupante in quanto il carattere di “opportunità” di una condotta è per propria natura soggettivo e non codificabile e, qualora applicato a un diritto fondamentale della persona, suscettibile di condizionarne l’esercizio e di prestarsi ad applicazioni contraddittorie e strumentali.

Così il Consiglio, chiamato recentemente in diversi casi a valutare discutibili condotte professionale inerente alla gestione di delicati uffici giudiziari, ora rischia di stigmatizzare in maniera assai più rilevante il profilo professionale di un magistrato che dichiara pubblica fedeltà alla Costituzione, dimenticando che alle istituzioni si chiedono valutazioni rigorose ed istituzionali e non opinioni più o meno soggettive sul contenuto o sulla forma delle dichiarazioni rese dai magistrati che non contrastano coi limiti fissati dalla disciplina in vigore.

Piergiorgio Morosini      Luigi Marini.

13/02/2012

Articoli Correlati

Comunicati

Lettera aperta a Magistratura indipendente


Il comunicato di Magistratura Indipendente diffuso il 4 novembre 2022 segna, a nostro avviso, un punto molto importante nel dibattito associativo tra le diverse sensibilità della cultura giuridica, perché individua in modo chiaro le due diverse filosofie basilari che possono ispirare, e orientare, l’esercizio della giurisdizione.

Comunicati

Una pericolosa truffa delle etichette


Costituzione della Repubblica italiana - articolo 17


I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

 

Adesione di Magistratura democratica

Europe for Peace - Manifestazione nazionale 5 novembre


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione nazionale per la pace indetta da Europe for peace per il 5 novembre 2022

Adesione di Magistratura democratica

Accordo con la Libia #Nonsonodaccordo


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione del 26 ottobre indetta da oltre 40 organizzazioni della società civile per la revoca del Memorandum con la Libia.