IL COMMENTO: Nuovo governo e giustizia

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Pronti a sostenere un progetto serio"

di Luigi Marini

Il Governo sta varando una manovra economica pesantissima che incide in primo luogo su coloro che non possono sottrarsi a tagli e imposte, così perpetuando una disparità di trattamento che ha radici antiche e che, salvo brevi parentesi, la classe politica non ha neppure tentato di affrontare.

Questo mi fa pensare ai milioni di miliardi di vecchie lire e poi ai corrispondenti importi in euro che nei decenni sono stati dilapidati da fenomeni corruttivi, da cattive gestioni funzionali alle posizioni di potere, da furti di cose pubbliche e sprechi intenzionali, ma fa pensare anche alle tante cattive gestioni che per cialtroneria, qualunquismo e logiche deteriori caratterizzano da sempre larghi strati dei settori produttivi, pubblici e privati.

Un Governo che promette maggiore equità e si impegna a imboccare una strada di gestione virtuosa non può, per quanto abbia un mandato a termine, mancare all’obbligo di dare segnali chiari su questi terreni.

Per queste ragioni ci attendiamo che la Ministra della giustizia sappia recuperare la credibilità delle strutture ministeriali dopo una stagione che consideriamo negativa, marcare una discontinuità rispetto a politiche fallimentari, segnare un recupero di immagine anche attraverso la scelta dei collaboratori più stretti, dare segnali chiari di abbandono di percorsi che hanno chiuso il Ministero nelle logiche peggiori della contrapposizione, del personalismo e della propaganda: si tratta di profili che ci attendiamo vengano rapidamente affrontati e costituiscano le premesse per un cambio di passo del dicastero che accompagni i progetti annunciati e li renda anche solo possibili.

Il contrasto all’evasione fiscale e alla corruzione presuppone che politica e amministrazione adoperino tutti gli strumenti necessari che conosciamo, ma richiede anche che la giurisdizione e la complessiva macchina della giustizia siano in grado di avviare indagini e celebrare processi destinati a giungere a termine in modo rapido e efficace, abbattendo il pericolo della prescrizione che ormai è diventata la risposta più frequente.

Lo sviluppo del Paese e la realizzazione di innovazioni positive richiedono che il Ministero della giustizia torni ad essere protagonista nei contesti internazionali e, soprattutto, in Europa, abbandonando le logiche devastanti degli ultimi anni che ci hanno posti ai margini dei percorsi decisionali e hanno ostacolato le misure interne di recepimento delle politiche europee.

Il funzionamento quotidiano degli uffici giudiziari, la semplificazione vera dei processi e la valorizzazione delle garanzie essenziali delle persone richiedono un percorso partecipato di modifiche normative, ordinamentali e processuali, che da anni proponiamo e che vorremmo vedere discusse senza ideologismi e chiusure corporative nell’interesse della collettività.

L’utilizzo intelligente delle poche risorse disponibili richiede l’abbandono di logiche di breve periodo e clientelari e uno sguardo coraggioso, sconfiggendo approcci burocratici e centri di potere che impediscono di agire liberamente e efficacemente.

Siamo ansiosi di capire quali priorità si darà la Ministro, con quali collaborazioni intenderà governarle e quale dialogo aprirà, finalmente, con i soggetti che concorrono a fare giustizia.

Se il progetto che verrà presentato in concreto sarà serio e camminerà su gambe serie troverà nella magistratura supporto leale e grande disponibilità al cambiamento. E qui mi fermo, contando che tanti anni di annunci e di politiche sbagliate siano alle nostre spalle.

08/12/2011

Articoli Correlati

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.

mercoledì 9 giugno 2021, ore 17:00/19:00

La Palestina, i Palestinesi: giustizia, pace e libertà

A partire dalle ore 17:00 di mercoledì 9 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Palestina, tra giustiziapacelibertà.

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Magistratura e politica

Il caso Brescia e i chiarimenti del Ministro

Ancora una volta assistiamo ad un cortocircuito, in cui si sovrappongono la reazione pubblica ad una decisione giudiziaria, la risonanza mediatica per un esito diverso da quello atteso e l’annuncio di iniziative del Ministro della Giustizia in relazione al contenuto di tale decisione. Ma, in questi casi, gli effetti del solo annuncio di iniziative in relazione al merito di una decisione giudiziaria rischiano di assomigliare ad un vero e proprio ammonimento della politica all'indipendenza della magistratura e all'autonomia, anche scientifica, del giudizio.

Tecnologia e processo

Continuando a discutere: i prossimi incontri nazionali telematici

Un confronto nazionale condotto in videoconferenza e aperto a tutti. Per discutere su come le tecnologie possano influenzare la giurisdizione, la cultura del giudice, il suo modo di approcciare il lavoro e i paradigmi del processo penale e civile.

Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone.

Tecnologia e processo

I rischi dell’udienza telematica

La democrazia non può tollerare che la giurisdizione resti sospesa, neppure nell’attuale fase emergenziale. Ma una volta cessata l’emergenza, bisognerà tornare alla pienezza di tutte quelle regole processuali che sono state previste in funzione dell’effettività del diritto di difesa e del ruolo di garanzia della giurisdizione.

Giudici e politica

Sull’intervista di Antonello Racanelli

Nell’intervista al segretario di Magistratura Indipendente la prospettiva fuorviante dell’apoliticità, coniugata a una sostanziale omogeneità alle posizioni della maggioranza di governo

Sulla proposta di riforma

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente