"Il nocchiere... in gran tempesta": il giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

venerdì 14 maggio 2021, ore 16:30/18:30

"Il nocchiere... in gran tempesta": il giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 14 maggio 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia, dedicato ai temi del giudice e della giustizia del lavoro.

“Quale valore può avere l’avanzata dei lavoratori sul piano sostanziale delle rivendicazioni quando, insorta una controversia, le conquiste raggiunte vengono di fatto frustrate dalla lungaggini dei processi?”

Questo si chiedeva, nella seduta del 18 ottobre 1972 alla Camera dei Deputati, il relatore di quella che sarebbe diventata la Legge 533/1973. Che ne è oggi di quel processo e del giudice che doveva dirigerlo, in un contesto di riduzione delle tutele sostanziali e di trasformazione della stessa idea di efficienza del processo?

 

PROGRAMMA

16.30 - Apertura dei lavori

 

16.30/17.30 - Relazioni:

L'origine e le ragioni di un giudice specializzato per il rapporto di lavoro

di Rita Sanlorenzo, vicedirettrice di Questione Giustizia - sostituta P.G. presso la Corte di Cassazione

***

La specificità del processo del lavoro e il cambiamento della prassi

di Sebastiano Luigi Gentile, presidente sezione lavoro - Corte d'Appello di Bari

***
I meccanismi cognitivi che presiedono all'assunzione della prova

di Alberto Giachero, neuropsicologo e psicoterapeuta - Università degli Studi di Torino

 

17.30/ 18.00 - Interventi di:

Amelia Torrice, consigliera della Corte di Cassazione

Stefania Mangione, avvocata del Foro di Bologna

Chiara Coppetta Calzavara, giudice sezione lavoro - Tribunale di Venezia

 

18.00 - Dibattito

 

18.30 - Chiusura lavori

 

Modera

Ilario Nasso, giudice sezione lavoro - Tribunale di Vibo Valentia

 

Il Webinar, integralmente registrato da Radio radicale, è visionabile al seguente link:

https://www.radioradicale.it/scheda/636765/il-nocchiere-in-gran-tempesta-il-giudice-e-la-giustizia-del-lavoro-fra-testo-normativo

 

14/05/2021

Articoli Correlati

Eventi

Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione


Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione
Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16.30
Sede Associazione "Volere la Luna", Via Trivero 16 Torino

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta streaming sul canale Youtube di Magistratura democratica (https://www.youtube.com/user/MagistraturaDem

Iniziativa della dirigenza nazionale di Magistratura democratica

La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale


Le problematiche, giuridiche e operative, della gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale, sia nella fase cautelare che in quella processuale - problematiche efficacemente riassunte e argomentate nella recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 27 gennaio 2022 - sono ampiamente note a tutti gli operatori del diritto. 

La lettera di USB Lavoro Agricolo di Reggio Calabria a Magistratura democratica

Si tratta di lavoratori. Partiamo da qui.


Come USB Lavoro Agricolo di Reggio Calabria non possiamo che ringraziare Magistratura Democratica per aver voluto riaccendere i riflettori sulle condizioni di vita dei lavoratori stranieri nella Piana di Gioia Tauro, fuori dai soliti luoghi comuni e stereotipi.

Eventi

Lavoro povero e salario minimo


Lavoro povero e salario minimo


Venerdì 25 marzo 2022, ore 15.00


Corte di cassazione, Aula Giallombardo, 2° piano

Dialoghi sulla giustizia

A proposito di Referendum

Sono nove, ad oggi, le richieste di referendum al vaglio della Cassazione e della Corte costituzionale: sei di questi in particolare riguardano argomenti in materia di giustizia, pur molto eterogenei tra loro. La possibilità della sottoscrizione telematica ha ovviamente incentivato il ricorso al mezzo, e con ogni probabilità, si ripeteranno in futuro le occasioni di consultazione popolare sui temi più svariati. Diviene essenziale un’informazione capillare ed una discussione franca che possa evidenziare i risvolti effettivi di un voto che si può esprimere solo con un sì o con un no. Magistratura democratica non si sottrae al dovere di fornire il suo contributo.