Addio a Filippo Paone

Il ricordo

Addio a Filippo Paone

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Un magistrato democratico a tutto tondo"

Venerdì ci ha lasciato Filippo Paone. Pubblichiamo un ricordo di Valerio Savio

L'avevo visto l'ultima volta un paio di mesi fa. Allegro, sorridente, propositivo, come al solito con idee organizzative per la sezione di Corte di Appello Civile che a Roma presiedeva (pensate: dopo quarant'anni di penale, a quasi settant'anni, rifiutando l'idea per lui assurda e comunque prematura della pensione, "alla ricerca di nuovi stimoli", era voluto passare al civile). Mi chiedeva dei candidati al Consiglio, di che "Consiglio verrà". Guardava al futuro.

Guardava al futuro con passione. Passione è forse la parola che meglio descrive la sua esistenza e la sua personalità. Passione per il lavoro, da sempre al centro della sua vita, lavoro a tempo pieno, con al centro l'attenzione alle persone coinvolte dal processo, con chiara l'idea che dietro ogni scelta che il magistrato fa ogni giorno, nel giudizio, nell'organizzazione, nella pianificazione del lavoro, vi sono precise e a volte diversissime opzioni culturali. Con chiara l'idea che il magistrato lavora bene solo dentro una organizzazione ed in un contesto culturale collettivo, che non può vivere e lavorare isolato, come una monade, ritenendosi autosufficiente.

Passione per la Politica. Per gli amici. Per MD (che per lui era e doveva sempre essere capace di essere innanzitutto una congrega di amici, MD di cui a Roma Filippo è stato una delle anime per decenni, fin dagli Anni Settanta, fin dai tempi in cui, come ha detto una volta Gianfranco Viglietta, "l'unica cosa che MD era in grado di garantire ai suoi iscritti erano i procedimenti disciplinari dovuti all'impegno associativo e politico" ).

Passione per i colleghi con cui lavorava, con cui discuteva, con cui magari litigava. Passione per le donne, di cui amava la bellezza, ma anche lo spirito di iniziativa, il sano senso pratico, l'equilibrio, la sensibilità e l'umanità. Passione per l'ANM (quando ha presieduto la Giunta di Roma, con un impegno quotidiano che si è visto in pochi casi). Passione per tutti coloro che con lui interagivano -- avvocati in testa -- perché sapevano mettersi in sintonia con il suo abito mentale ed il suo stile di vita fatto di rapporto umano, condivisione di valori, impegno.

Se con te dibatteva anche aspramente, di politica, o in camera di consiglio, e magari si arrabbiava e ti prendeva pure idealmente per il bavero, allora voleva dire che ti voleva bene, ti stimava, con te voleva interagire. Se ti mostrava indifferenza, era innanzitutto perchè ti sentiva troppo lontano, troppo diverso, individualista, arrivista, opportunista, o peggio: ignavo.

Ecco: per lui la Politica, ad ogni livello, dentro e fuori la Magistratura, era fatta innanzitutto, irrimediabilmente ed in modo imprescindibile, di intensi rapporti umani. Ed i rapporti umani, sul lavoro, dovevano essere altrettanto irrimediabilmente fatti ed innervati di valori in senso lato "politici" perchè afferenti allo stare insieme per obiettivi e valori comuni. Scherzava, ma non troppo: "Quando mi trovo a mangiare da solo, mi chiedo: dove ho sbagliato?".

Non era un Giurista ed un Grande Intellettuale né ci ha mai tenuto ad esserlo e anzi si sarebbe arrabbiato con chi c'avesse provato ad etichettarlo ed imbalsamarlo così. E' stato però un Giudice colto, che ha ogni giorno cercato con tutte le sue capacità ed energie di dare vita al modello costituzionale di giurisdizione. E' stato davvero un Magistrato Democratico. A tutto tondo.

Ciao caro Filippo, mi mancherai. Come mi mancheranno le nostre discussioni in cui quasi mai eravamo d'accordo, ma dopo le quali alla fine anch'io ero un po' meno d'accordo con me stesso.

Valerio Savio - vicepresidente Anm


(26 luglio 2014)

27/07/2014

Articoli Correlati

Penale

A margine di un processo per tortura


Il 20 aprile 2022  il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Torino ha disposto il rinvio a giudizio di ventidue persone, tra essi numerosi operatori dell’amministrazione penitenziaria accusati tra l’altro del delitto di tortura, commesso, stando all’accusa, in danno di persone detenute nel carcere di Torino; 

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Il sollecito di Mattarella


La dirigenza di Magistratura democratica guarda con rispetto e attenzione alle indicazioni che il Presidente della Repubblica ha riservato al mondo della giustizia.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.

Comunicati

La testimonianza di David Sassoli

"L'Europa deve ritrovare l'orgoglio del suo modello democratico. Dobbiamo fermamente desiderare che questo modello di democrazia, di libertà e di prosperità si diffonda, che attiri, che faccia sognare e non solo i nostri stessi concittadini europei, ma anche al di là delle nostre frontiere."