Per Carlo Verardi

Il ricordo

Per Carlo Verardi

Carissimo Carlo,

ogni anno aspettiamo questo giorno per incontrarti, come se non fosse il giorno in cui siamo rimasti senza, ma quello in cui ci ritroviamo dopo un lungo viaggio o una lunga assenza. E nell’abbraccio di questo giorno, che ci spinge a radunarci per conversare come spesso accadeva dopo un incontro di studio, dopo un convegno o un’assemblea, sono tante le cose che vorremmo raccontarti, tante le cose che vorremmo ascoltare da te.

Ancora oggi, come in  quel terribile settembre del 2001, l’odio e l’orrore tornano a manifestarsi nelle forme più estreme. Gli uomini appaiono sempre più incapaci di resistere all’impulso della distruzione; nel mondo crescono dolore e sofferenza; l’orizzonte quotidiano dell’intero pianeta sembra pervaso da una perdita di senso; l’incertezza, la precarietà, l’impoverimento assumono le forme di tragiche cifre dell’esistenza. E nel vuoto progressivo del presente, sembra restare sommersa anche la speranza del futuro.

Di fronte all’inconcludenza di progetti politici vecchi e nuovi, che continuano ad assumere come obiettivo non le urgenze dei diritti e la realtà dei bisogni, ma la bandiera degli annunci e l’esibizione di leggi che non riescono a mascherare le pratiche dei compromesso e rendono ancor più aleatorio e frammentario il sistema delle fonti; di fronte al tentativo (portato avanti in forme diverse, ma non meno ostinate) di guardare ai problemi del paese e della giustizia come se la magistratura ne fosse il principale responsabile, è necessario tener salda la forza degli ideali e non smarrire la coscienza dei propri compiti e la consapevolezza di quanto sia irrinunciabile il ruolo della giurisdizione per conservare o attribuire a chi non l’ha mai avuta la dignità che spetta alle persone, continuando a svolgere la funzione di presidio fondamentale delle libertà individuali e collettive.

Questa è l’idea che, a dispetto di tutto, ancora coltiviamo della giurisdizione, con la volontà di non cedere alla rassegnazione ed a quel senso diffuso che - nella debolezza politica e nelle contraddizioni dell’Europa - tende ancora a sostituire nebulosi progetti di efficienza e di mercato alle istanze prioritarie dei diritti.

La “variabile” giudiziaria (come ancora troppo volte, usando parole senza senso, si ama definirla) non può temere di influenzare le contingenze politiche, ma deve essere lontana quanto più possibile da questo timore, poiché proprio in ciò - nel non essere condizionata dalle contingenze politiche – consiste il contributo specifico che la giurisdizione può dare al processo di affermazione ed al rafforzamento della democrazia in ogni parte del mondo, proprio in questo risiede il suo essere calata nella trama dei rapporti storici e sociali di un paese.

Carissimo Carlo, amico nostro grande e indimenticabile, ogni giorno è il luogo dell’appuntamento con ciò che ci hai insegnato, ogni giorno è l’occasione per mettere alla prova - con virtuosa ed instancabile pazienza nel ricucire i brandelli dell’ordinamento giuridico puntando lo sguardo sulla trama dei diritti - l’impegno di coerenza che abbiamo il dovere di adempiere per noi e per gli altri

Anche quest’anno porteremo fiori con il pensiero sulla terra che ti abbraccia e ti nasconde. Tu - che in realtà sei stato ogni giorno con noi, che non abbiamo saputo ricordarti abbastanza e non siamo stati capaci di fare tutto quello che avremmo dovuto raccogliendo il tuo esempio, il tuo invito e il tuo pensiero - continuerai a  darci i fiori della tua serenità, della tua forza e della tua fiduciosa speranza, di cui abbiamo sempre immenso bisogno.
 


Gianfranco Gilardi


(15 settembre 2014)

15/09/2014

Articoli Correlati

Penale

A margine di un processo per tortura


Il 20 aprile 2022  il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Torino ha disposto il rinvio a giudizio di ventidue persone, tra essi numerosi operatori dell’amministrazione penitenziaria accusati tra l’altro del delitto di tortura, commesso, stando all’accusa, in danno di persone detenute nel carcere di Torino; 

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Il sollecito di Mattarella


La dirigenza di Magistratura democratica guarda con rispetto e attenzione alle indicazioni che il Presidente della Repubblica ha riservato al mondo della giustizia.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.

Comunicati

La testimonianza di David Sassoli

"L'Europa deve ritrovare l'orgoglio del suo modello democratico. Dobbiamo fermamente desiderare che questo modello di democrazia, di libertà e di prosperità si diffonda, che attiri, che faccia sognare e non solo i nostri stessi concittadini europei, ma anche al di là delle nostre frontiere."