L'appello alle istituzione europee

Turchia

L'appello alle istituzione europee

di Esecutivo di Magistratura Democratica

 

                                                                                                                                                                                                                                      

Magistratura democratica aderisce all'appello rivolto alle istituzioni europee (del Consiglio e dell'Unione) sulla situazione in Turchia promosso da Luigi Ferrajoli, David Cerri, Ignazio Juan Patrone con il supporto della Fondazione Basso. Con questo documento − aperto alla firma di avvocati, docenti di materie giuridiche, magistrati di ogni ordine giurisdizionale, magistrati onorari, ed alle associazioni di giuristi − si intende sollevare, otto mesi dopo il tentato colpo di stato, il tema della ineffettività, in quel Paese, delle garanzie minime che dovrebbero essere poste a tutela di tutti i cittadini degli Stati membri del Consiglio d'Europa.

Md invita a sottoscrivere il documento inviando una mail alla Fondazione Basso all'indirizzo: adesione.iniziativa@fondazionebasso.it

Nella mail vanno indicati con chiarezza: nome; cognome; qualifica in forma sintetica (es. professore di …; avvocato; magistrato; magistrato contabile; magistrato amministrativo)

Per i legali, indicare il foro di iscrizione.

Per i magistrati, indicare il relativo ufficio (es. Procura di ...; Corte di …).

Per i professori, indicare università o istituto di apaprtenenza.

IL DOCUMENTO

Il tentativo di colpo di Stato militare avvenuto in Turchia il 16 luglio 2016 è stato certamente un episodio grave e inaccettabile. La reazione cui tale tentativo di golpe ha dato luogo da parte del Governo della Turchia è stata però manifestamente sproporzionata e numerose tra le misure di emergenza prese appaiono essere in aperta e grave violazione della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo - di cui la Turchia fu tra i primi firmatari - e del Patto Internazionale dell'ONU sui diritti civili e politici.

Nei molti mesi ormai trascorsi dalla data del tentato golpe continuiamo ad assistere attoniti al prolungamento di uno stato di emergenza che appare ben oltre i limiti indicati dall'art. 15 della Cedu: all'epurazione in massa di professori universitari e di insegnanti di ogni ordine e grado, di magistrati, di funzionari, di militari. Ciò mentre gli avvocati vengono arrestati o intimiditi, i giornalisti indipendenti sono ridotti al silenzio, i diritti di ogni imputato ad una difesa libera ed effettiva e i principi minimi del giusto processo vengono calpestati. Il fermo di polizia è stato portato all'incredibile limite di sessanta giorni, vengono confiscati i beni delle persone sospette, le accuse vengono formulate in modo del tutto generico e fanno riferimento ad appartenenze, reali o supposte, a "gruppi terroristici", senza che la natura e l'attività di tali supposti gruppi sia mai stata dimostrata.

Nessuna fiducia, di fronte a tali misure repressive, può oggi essere riposta in un controllo giurisdizionale interno, che è affidato a magistrati intimiditi, minacciati a loro volta di repressione, con procedure di emergenza la cui affidabilità appare pressochè nulla.

Ovunque le autorità turche vedono "nemici" e "complotti", in un clima di continue minacce ad altri Paesi, membri della medesima comunità di diritto, che ci ricordano le peggiori esperienze vissute dal nostro Continente nel Novecento. 

Di fronte ad avvenimenti tanto gravi e ripetuti, le reazioni delle istituzioni europee, sia del Consiglio d'Europa che dell'Unione europea, appaiono timide, reticenti e del tutto inefficaci.

Ci si è trincerati dietro a distinzioni formali, si è dibattuto senza decidere mentre si lascia che uno Stato membro del Consiglio d'Europa e candidato all'Unione Europea violi apertamente le regole che ci siamo liberamente dati e sul cui rispetto abbiamo fondato la nostra coesione e la nostra comune esperienza di giuristi.

Deludenti, per quanto formalmente motivate, sono apparse le prime pronunce della Corte europea dei diritti umani, che ha respinto come irricevibili, per mancato esaurimento dei rimedi interni, i ricorsi individuali che contestavano la legittimità delle misure di emergenza adottate dal governo turco. L'allarmante attuale compromissione delle libertà e dei diritti fondamentali prodotta da quelle misure ben rappresenta una di quelle situazioni speciali che la stessa giurisprudenza della Corte di Strasburgo ha, in passato, ammesso come eccezioni alla regola del previo esaurimento dei ricorsi interni.

Noi giuristi europei, accademici, avvocati e magistrati, chiediamo che le nostre Istituzioni comuni, quelle rappresentative e quelle esecutive come quelle giurisdizionali, sappiano vedere la realtà degli avvenimenti turchi, sappiano reagire con la forza del diritto a violazioni che, se oggi avvengono in un solo Paese, domani potrebbero legittimarne di analoghe in altri.

Roma, 25 marzo 2017

Promotori e primi firmatari

Luigi Ferrajoli, professore emerito di Filosofia del diritto, Università di Roma Tre 

David Cerri, avvocato del Foro di Pisa

Ignazio Juan Patrone, magistrato italiano di collegamento in Francia

26/03/2017

Articoli Correlati

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Il "caso Calabria"

Il Pubblico Ministero, il giudice e la comunicazione

Crediamo nel ruolo del Pubblico Ministero che, quale primo tutore delle garanzie e dei diritti costituzionali, agisce nella consapevolezza della necessaria relatività delle ricostruzioni accusatorie e della necessità di verificarle nel contraddittorio, e non in quello di parte interessata soltanto al conseguimento del risultato, lontano dalla cultura della giurisdizione e dall’attenzione all’accertamento conseguito nel processo. E crediamo nell’impegno dei magistrati che, anche nei contesti territoriali più difficili, continuano a svolgere con questa consapevolezza le loro funzioni, incarnando una giurisdizione terza e imparziale, vera precondizione per un esercizio corretto del difficile compito di giudicare.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.