La riforma del sistema giudiziario

Polonia

La riforma del sistema giudiziario

di Esecutivo di Magistratura Democratica
La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
SUPREME COURT
of the Republic of Poland


Resolution

The General Assembly of the Judges of the Supreme Court
of 16 January 2018

STATEMENT

Judges of the Supreme Court gathered at the General Assembly on 16 January 2018, declare:

 

  1. Adopted by both chambers of Parliament and signed by the President of the Republic of Poland new laws: on the Supreme Court and the National Council of the Judiciary and common courts have been prepared in violation of fundamental rules of law, without adequate consultation, with disrespect to revealed scientific opinions and positions of legal and academic organizations. They are, in a number of provisions, contrary to the prevailing standards of the Constitution of the Republic of Poland and in breach of the rule of separation of state powers, the independence of the courts, judges and their irremovability.
  2. Lasting until the end of April 2020, constitutionally specified, 6-year long, term of office of the first President of the Supreme Court cannot be shortened by ordinary law.
  3. Unlawful and unjustified removal from the Office of nearly half of the experienced judges of the Supreme Court in no way will improve the operation of the justice system.
  4. Demonstrative showing of disrespect and denigration of judges by the highest representatives of the legislative and executive powers aims to diminish the authority of the Polish State, part of which is justice.
  5. We express our appreciation to all the judges, individuals and institutions which, with words and actions, supported the efforts to preserve the independence of the Polish courts and judges.
  6. We appeal to respect the decisions of each judge, who, according to the new law on the Supreme Court, is forced to decide whether to remain in their post, retire or apply for the consent of executive power for the extension of the exercise of activities as a judge.
16/01/2018

Articoli Correlati

Noi e Medel

23 maggio - Giornata di allerta per l'indipendenza della giustizia


Ancora una volta Medel celebra il 23 maggio come Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia, ricordando che l'indipendenza del Potere Giudiziario è la pietra angolare di ogni società libera e democratica.

Noi e Medel

Medel continuerà a osservare gli sviluppi in Turchia e i processi presso la Corte EDU a tutela dei magistrati turchi


La dichiarazione di Medel ( Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertées) sul rigetto da parte della Corte Edu del rinvio alla Grande Camera del caso Turan e altri.

da "Il Dubbio"

Proteggere la vita e la libertà: anche in guerra il diritto ha voce in capitolo


Nel mezzo del dibattito sul conflitto in Ucraina, serve una presa di posizione forte delle magistrature europee associate che richiami l’Europa alle sue responsabilità: pace e giustizia

Noi e Medel

Medel sui crimini di guerra in Ucraina


La guerra che perdura in Ucraina ha obbligato il mondo ad avere a che fare con scene che l’umanità ha lottato duramente per lasciare nel passato, ma che purtroppo continuano a ritornare. Le immagini dei corpi dei civili uccisi, che giacevano a terra con le mani legate dietro la schiena, sono una prova innegabile che in questo conflitto sono stati commessi dei crimini di guerra, e che tutti i limiti dell’umanità sono stati oltrepassati.

Noi e Medel

Sullo scioglimento del CSM e le minacce all’indipendenza della Giustizia in Tunisia


Minaccia all'indipendenza della giustizia in Tunisia: non dobbiamo abbandonare la causa per una giustizia democratica in Tunisia. Abbiamo solo un mondo in cui la giustizia è un valore prezioso della democrazia e dove l'indipendenza della giustizia e i principi dello stato di diritto e della separazione dei poteri devono prevalere.