Il Tar su CG Catanzaro

La sentenza

Il Tar su CG Catanzaro

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Riconosciute le ragioni di Area

Pubblichiamo la sentenza n. 226/2013  con la quale il TAR Calabria, Catanzaro, dopo aver richiamato il sistema proporzionale che disciplina l’elezione dei componenti del Consiglio Giudiziario, ha accolto il ricorso di Vincenzo Luberto rilevando che “poiché l’assegnazione dei seggi è fatta per lista, deve coerentemente ritenersi che i seggi conseguiti da ciascuna lista al momento dell’elezione devono essere mantenuti per tutta la durata in carica del Consiglio giudiziario eletto”.

Conseguentemente, nel caso di cessazione di uno degli eletti, questi deve essere sostituito con il magistrato, appartenente alla stessa categoria, che lo segue nella lista di appartenenza. Il seggio lasciato da una collega eletta nella lista di Area deve essere, quindi, attribuito a Vincenzo Luberto.

LEGGI LA SENTENZA

27/02/2013

Articoli Correlati

Ordinamento

Brevissima Storia di T.


<< Sembra surreale che un lavoro, come quello di magistrato, che dovrebbe essere fortemente orientato alla/dalla motivazione, ricco di curiosità innovativa e di impegno intellettuale per l’estensione degli ambiti di tutela dei diritti, attento alle specificità del singolo caso, caratterizzato da un’organizzazione orizzontale e non gerarchizzata, sia in corso di trasformazione verso paradigmi (o algoritmi) da “rider dei fascicoli” ossequienti ai “capisquadra">>

Come eravamo

Il tempo del possibile non è quello passato ma quello che verrà : essere un magistrato giovane (ma non troppo) nel 2022


Il concorso per l’accesso alla magistratura ordinaria, dalla data di entrata in vigore della legge n. 111/2007, che ha modificato il decreto legislativo n. 160/2006, è un c.d. “concorso pubblico di secondo grado”.

Ordinamento

Riforma della giustizia - Le proposte di Magistratura democratica


È vitale che la magistratura rinsaldi i legami con la società civile, alleato insostituibile per l’affermazione della legalità, della tutela dei diritti e per l’esercizio sereno e indipendente della giurisdizione.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.