La Via Maestra - Insieme per la Costituzione

Editoriale

La Via Maestra - Insieme per la Costituzione


Magistratura democratica partecipa alla manifestazione nazionale del prossimo 7 ottobre 2023 denominata La Via Maestra - Insieme per la Costituzione. 


Si tratta di un'iniziativa promossa dalla Cgil per la difesa dei diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione, a cui hanno dato adesione numerosissime associazioni della società civile.


Ci auguriamo che la nostra partecipazione sia utile a far comprendere, tanto all'interno della magistratura che all'opinione pubblica, come la tutela dei diritti fondamentali dei cittadini, a cui i magistrati sono chiamati nell'esercizio delle loro funzioni, non si esaurisce nell'esercizio della giurisdizione.


Chi è chiamato a garantire la tutela di quei diritti e dei principi costituzionali ha il dovere di intervenire nel dibattito pubblico, di fronte al pericolo di un loro ridimensionamento, perché i diritti semplicemente enunciati, ma svuotati del loro contenuto, essenziale perdono di significato.


I diritti fondamentali che i magistrati italiani sono chiamati a tutelare - alla salute, al lavoro, all’istruzione - esistono come tali soltanto se i decisori politici permettono la loro concreta realizzazione, prescindendo da logiche di schieramento o di appartenenza.


L’impegno dei magistrati in difesa dei diritti costituzionali anche nel dibattito pubblico, dunque, ha il significato di dare concretezza all’impegno quotidiano cui sono chiamati, ed è un impegno indifferente ai posizionamenti contingenti delle forze politiche, perché è rivolto a un fine che dovrebbe essere condiviso da tutti i soggetti istituzionali: quello della tutela effettiva, per tutti i cittadini, dei diritti fondamentali che servono a promuovere la pari dignità e l'uguaglianza sostanziale tra le persone.

02/10/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.

Nota della Presidente di Magistratura democratica

Gli effetti dell’allargamento dell’elenco dei “Paesi sicuri”


La Presidente di Magistratura democratica, Silvia Albano, ha diffuso una nota in cui si spiegano gli effetti pratici del decreto ministeriale 7 maggio 2024 con il quale è stato allargato l’elenco dei Paesi sicuri a ulteriori Paesi (indicati all’inizio del testo), includendo così i Paesi di origine da cui proviene la maggioranza dei migranti.

Comunicati

Il carcere: tra dignità umana e rieducazione


Il tasso di sovraffollamento, il numero di suicidi, le criticità nell’assistenza sanitaria espongono le persone detenute e quelle che in carcere lavorano a una quotidianità che rischia di porre in discussione i diritti fondamentali della persona e compromettere la funzione di reinserimento sociale che la Costituzione indica come coessenziale all’esecuzione delle pene.