Medel sui crimini di guerra in Ucraina

Noi e Medel

Medel sui crimini di guerra in Ucraina


La guerra che perdura in Ucraina ha obbligato il mondo ad avere a che fare con scene che l’umanità ha lottato duramente per lasciare nel passato, ma che purtroppo continuano a ritornare. Le immagini dei corpi dei civili uccisi, che giacevano a terra con le mani legate dietro la schiena, sono una prova innegabile che in questo conflitto sono stati commessi dei crimini di guerra, e che tutti i limiti dell’umanità sono stati oltrepassati.


L’unico modo per dare giustizia alle vittime di questi crimini – le vittime dirette, e soprattutto le loro famiglie e le comunità dove vivono – e perché lo stato di diritto prevalga in mezzo al caos che costituisce sempre la guerra, è compiere indagini indipendenti, accurate, e approfondite su tutti i crimini che sono stati commessi e mostrati al mondo con le immagini viste negli ultimi giorni. I colpevoli di queste azioni terrificanti devono essere ritenuti responsabili, devono essere sottoposti a un equo processo ed essere condannati: solo l’asimmetria tra l’equo processo secondo diritto a loro garantito e le azioni disumane che hanno perpetrato potrà riaffermare l’impegno del mondo intero per il rispetto dei diritti umani.
 
Questo sarà l’unico modo per assicurarsi che il mondo continui a lottare perché queste situazioni non si verifichino più e che non si facciano passi indietro su un percorso intrapreso dopo gli orrori del ventesimo secolo.
 
Lo dobbiamo non soltanto alle vittime di questa guerra, ma anche a tutte le vittime dei conflitti hanno spinto gli uomini a occuparsi del necessario rispetto per i diritti umani. Soprattutto, lo dobbiamo alle future generazioni, perché non debbano vivere ancora tutto questo.
 
MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés:
sollecita le Nazioni Unite, attraverso gli organi di giustizia internazionali, a compiere un’approfondita e accurata indagine sui crimini di guerra commessi nel conflitto in corso in Ucraina;
conferma la propria piena disponibilità ad assistere e collaborare a tali indagini.
 
4 Aprile 2022

04/04/2022

Articoli Correlati

Noi e Medel

Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia


Signor Presidente, 
il 9 marzo, in occasione della presidenza francese dell’Unione Europea, una delle organizzazioni firmatarie ha scritto al Suo Ministro di Giustizia per metterlo a conoscenza dell’importanza di intervenire con decisione per lo stato di diritto e l’indipendenza del potere giudiziario in un momento in cui tali pilastri sono sottoposti a offensive eccezionali in alcuni Stati Membri dell’Unione, in particolare in Ungheria e Polonia. 

Noi e Medel

23 maggio - Giornata di allerta per l'indipendenza della giustizia


Ancora una volta Medel celebra il 23 maggio come Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia, ricordando che l'indipendenza del Potere Giudiziario è la pietra angolare di ogni società libera e democratica.

Noi e Medel

Medel continuerà a osservare gli sviluppi in Turchia e i processi presso la Corte EDU a tutela dei magistrati turchi


La dichiarazione di Medel ( Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertées) sul rigetto da parte della Corte Edu del rinvio alla Grande Camera del caso Turan e altri.

Noi e Medel

Sullo scioglimento del CSM e le minacce all’indipendenza della Giustizia in Tunisia


Minaccia all'indipendenza della giustizia in Tunisia: non dobbiamo abbandonare la causa per una giustizia democratica in Tunisia. Abbiamo solo un mondo in cui la giustizia è un valore prezioso della democrazia e dove l'indipendenza della giustizia e i principi dello stato di diritto e della separazione dei poteri devono prevalere.

Noi e Medel

Murat Arslan: stato di diritto e pace per tutti


MEDEL ha ricevuto una lettera da Murat Arslan, dalla prigione dove rimane ingiustamente detenuto in Turchia. Su sua richiesta, la pubblichiamo.