Medel sui crimini di guerra in Ucraina

Noi e Medel

Medel sui crimini di guerra in Ucraina


La guerra che perdura in Ucraina ha obbligato il mondo ad avere a che fare con scene che l’umanità ha lottato duramente per lasciare nel passato, ma che purtroppo continuano a ritornare. Le immagini dei corpi dei civili uccisi, che giacevano a terra con le mani legate dietro la schiena, sono una prova innegabile che in questo conflitto sono stati commessi dei crimini di guerra, e che tutti i limiti dell’umanità sono stati oltrepassati.


L’unico modo per dare giustizia alle vittime di questi crimini – le vittime dirette, e soprattutto le loro famiglie e le comunità dove vivono – e perché lo stato di diritto prevalga in mezzo al caos che costituisce sempre la guerra, è compiere indagini indipendenti, accurate, e approfondite su tutti i crimini che sono stati commessi e mostrati al mondo con le immagini viste negli ultimi giorni. I colpevoli di queste azioni terrificanti devono essere ritenuti responsabili, devono essere sottoposti a un equo processo ed essere condannati: solo l’asimmetria tra l’equo processo secondo diritto a loro garantito e le azioni disumane che hanno perpetrato potrà riaffermare l’impegno del mondo intero per il rispetto dei diritti umani.
 
Questo sarà l’unico modo per assicurarsi che il mondo continui a lottare perché queste situazioni non si verifichino più e che non si facciano passi indietro su un percorso intrapreso dopo gli orrori del ventesimo secolo.
 
Lo dobbiamo non soltanto alle vittime di questa guerra, ma anche a tutte le vittime dei conflitti hanno spinto gli uomini a occuparsi del necessario rispetto per i diritti umani. Soprattutto, lo dobbiamo alle future generazioni, perché non debbano vivere ancora tutto questo.
 
MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés:
sollecita le Nazioni Unite, attraverso gli organi di giustizia internazionali, a compiere un’approfondita e accurata indagine sui crimini di guerra commessi nel conflitto in corso in Ucraina;
conferma la propria piena disponibilità ad assistere e collaborare a tali indagini.
 
4 Aprile 2022

04/04/2022

Articoli Correlati

Noi e Medel

Mariarosaria Guglielmi eletta presidente di Medel


Nell’assemblea tenutasi ieri a Barcellona, Medel (Magistrats Européens pour la Democratie et les Libertés), l’associazione di magistrati europei, ha eletto presidente una magistrata italiana, Mariarosaria Guglielmi. La neoeletta è stata Segretaria di Magistratura democratica sino al 2021. Il nuovo vertice di Medel, ha visto l’elezione di un’altra  magistrata, la polacca Monika Krackoviak. 

Noi e Medel

Libertà per Murat Arslan e per tutti i giudici destituiti e arrestati in Turchia

 
Le associazioni europee di magistrati, riunite nella "Platform for an independent Judiciary in Turkey" chiedono l’immediata liberazione di Murat Arslan e di tutti gli altri giudici e pubblici ministeri destituiti e arrestati.

Noi e Medel

Ricorso associazioni giudici europei a Corte UE su PNRR Polonia: "chiediamo efficace tutela dell'indipendenza dei giudici"


Quattro organizzazioni europee di giudici citano in giudizio il Consiglio dell'UE per aver ignorato le sentenze del Tribunale dell'UE nella decisione di sbloccare i fondi alla Polonia.

Noi e Medel

La lettera della Platform for an Indipendent Judiciary in Turkey


La lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey del 15 luglio 2022 indirizzata a 


Presidente della Commissione Europea,  Ursula von der Leyen, 
Commissario Europeo per il Vicinato e l’allargamento, Olivér Várhelyi 
Commissario Europeo per la Giustizia, Didier Reynders 
Presidente del Consiglio  Europeo, Charles Michel 
Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola 
Segretario Generale del Consiglio d’ Europa, Marija Pejčinović Burić 

Noi e Medel

Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia


Signor Presidente, 
il 9 marzo, in occasione della presidenza francese dell’Unione Europea, una delle organizzazioni firmatarie ha scritto al Suo Ministro di Giustizia per metterlo a conoscenza dell’importanza di intervenire con decisione per lo stato di diritto e l’indipendenza del potere giudiziario in un momento in cui tali pilastri sono sottoposti a offensive eccezionali in alcuni Stati Membri dell’Unione, in particolare in Ungheria e Polonia.