Murat Arslan: stato di diritto e pace per tutti

Noi e Medel

Murat Arslan: stato di diritto e pace per tutti


MEDEL ha ricevuto una lettera da Murat Arslan, dalla prigione dove rimane ingiustamente detenuto in Turchia. Su sua richiesta, la pubblichiamo.


Vedere la tragedia umanitaria in Ucraina dalla prigione in cui sono confinato da sei anni a questa parte mi spezza il cuore. Il mio cuore e la mia mente sono con gli Ucraini e soprattutto con i miei colleghi ucraini. 


Con rammarico noto che l’occupazione, da parte di un regime totalitario, dell’Ucraina - che ha fatto enormi progressi verso l’obiettivo dello stato di diritto - minaccia non soltanto la pace e la sicurezza dell’Ucraina, ma il mondo intero.  Con l’occupazione russa dell’Ucraina, abbiamo visto quanto sia importante la battaglia per lo stato di diritto, per la democrazia e per i diritti umani, non soltanto per la sicurezza del diritto, ma anche per la salvezza della vita di ogni persona e per la pace internazionale. 


Un aspetto importante, che in questo momento non dovrebbe essere ignorato, è il fatto che un significativo numero di persone e organizzazioni che hanno permesso di dare realizzazione al valore dei diritti umani e delle libertà tra i cittadini russi sta cercando coraggiosamente di opporsi all’occupazione. 


Chiaramente il modo più efficace per rendere onore ad entrambi i popoli che credono nello stato di diritto e nella democrazia, tra i cittadini russi e le vittime in Ucraina, è accogliere in Europa sempre con maggiore fermezza lo stato di diritto, che si oppone all’occupazione russa, che ha calpestato il diritto internazionale. 


La reazione più opportuna a questa invasione dovrebbe fondarsi sul diritto internazionale e sui diritti umani. Incolpare l’intera popolazione per le colpe di un regime totalitario provocherebbe ferite insanabili e seminerebbe un nuovo germoglio di odio. La migliore risposta è consolidare la democrazia e i diritti umani. Tutto ciò che accade dovrebbe essere visto con lo sguardo rivolto agli esseri umani e all’ambiente, così che l’umanità non debba essere sacrificata per gli interessi politici. 


Per quanto mi sia possibile seguire dalla mia cella, vedo che è stata subito tesa una mano alle vittime di questa occupazione, soprattutto in Europa.  Non ho dubbi che anche i nostri colleghi ucraini ricevano aiuto. Sono convinto che il bene sia contagioso e che ci sia sempre forza nell’unione. 


Mi inchino di fronte a coloro che stanno al loro fianco e dimostrano solidarietà in questi tempi difficili. Mi auguro che questa occupazione, questa tragedia umanitaria, questa enorme distruzione dell’ambiente e del diritto, giunga il prima possibile a conclusione. Desidero sottolineare ancora che la possibilità di ognuno di vivere in pace dipende dalla capacità di ciascuno di vivere secondo diritto. L’abbandono del diritto in un Paese è una minaccia per la popolazione di tutto il mondo.


Murat Arslan

14/03/2022

Articoli Correlati

Noi e Medel

Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia


Signor Presidente, 
il 9 marzo, in occasione della presidenza francese dell’Unione Europea, una delle organizzazioni firmatarie ha scritto al Suo Ministro di Giustizia per metterlo a conoscenza dell’importanza di intervenire con decisione per lo stato di diritto e l’indipendenza del potere giudiziario in un momento in cui tali pilastri sono sottoposti a offensive eccezionali in alcuni Stati Membri dell’Unione, in particolare in Ungheria e Polonia. 

Noi e Medel

23 maggio - Giornata di allerta per l'indipendenza della giustizia


Ancora una volta Medel celebra il 23 maggio come Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia, ricordando che l'indipendenza del Potere Giudiziario è la pietra angolare di ogni società libera e democratica.

Noi e Medel

Medel continuerà a osservare gli sviluppi in Turchia e i processi presso la Corte EDU a tutela dei magistrati turchi


La dichiarazione di Medel ( Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertées) sul rigetto da parte della Corte Edu del rinvio alla Grande Camera del caso Turan e altri.

Noi e Medel

Medel sui crimini di guerra in Ucraina


La guerra che perdura in Ucraina ha obbligato il mondo ad avere a che fare con scene che l’umanità ha lottato duramente per lasciare nel passato, ma che purtroppo continuano a ritornare. Le immagini dei corpi dei civili uccisi, che giacevano a terra con le mani legate dietro la schiena, sono una prova innegabile che in questo conflitto sono stati commessi dei crimini di guerra, e che tutti i limiti dell’umanità sono stati oltrepassati.

Noi e Medel

Sullo scioglimento del CSM e le minacce all’indipendenza della Giustizia in Tunisia


Minaccia all'indipendenza della giustizia in Tunisia: non dobbiamo abbandonare la causa per una giustizia democratica in Tunisia. Abbiamo solo un mondo in cui la giustizia è un valore prezioso della democrazia e dove l'indipendenza della giustizia e i principi dello stato di diritto e della separazione dei poteri devono prevalere.