Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.


La Nuova Tendopoli si trova nella Seconda Zona Industriale Corap. In realtà le attività industriali sono quasi inesistenti in questo luogo distante dal paese.
I migranti lavorano come braccianti agricoli.
L'area occupata è di circa 12.000 metri quadrati.
Ci sono tende fornite dal Ministero dell'Interno non sono sufficienti per accogliere tutti.
I migranti hanno costruito una settantina di baracche di fortuna all'interno dell'area. Prima dell'epidemia COVID-19, il numero di occupanti poteva arrivare a oltre 700. Attualmente, ospita circa 400 persone.
Il trasferimento dalla precedente tendopoli, in realtà una baraccopoli priva di servizi essenziali, è terminato di fatto con lo sgombero del precedente insediamento e l'abbattimento delle baracche avvenuto nel marzo del 2019. La vecchia tendopoli di San Ferdinando era stata realizzata dagli stessi migranti con baracche abusive e ospitava circa 1000 persone nei periodi di maggiore affluenza.

I migranti che hanno trovato posto nella Nuova Tendopoli si sono trasferiti lì, gli altri sono andati in centri di accoglienza o si sono dati alla fuga. La gestione della Nuova Tendopoli è stata trasferita dalla Prefettura al Comune di San Ferdinando anche se la Prefettura svolge costantemente tavoli tecnici insieme allo stesso Comune e alle forze di polizia.
Per i permessi di soggiorno è competente la Questura di Reggio Calabria. Per le domande di protezione internazionale è competente la Commissione Territoriale di Crotone. Crotone dista centosettanta chilometri da San Ferdinando.
Il 31 dicembre 2021 si è verificato un incendio nel quale sono andate distrutte quattordici baracche.

11/03/2022

Articoli Correlati

2'MD

Le 150 ore: dal lavoro alla scuola


Antonella De Peri, avvocata e negli Anni ‘70-‘80 insegnante di diritto ed economia nei corsi delle 150 ore, ci ricorda l’importanza dello Statuto dei lavoratori e della contrattazione collettiva nel dare ai lavoratori-studenti, la possibilità di utilizzare permessi per accrescere la loro istruzione. 

Le riflessioni di Magistratura democratica

Il diritto di riunirsi e di manifestare: bilanciamenti, regole, senso di responsabilità


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni prima che si trasformino in processi, affinché il processo non si traduca nel solo luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.

2'MD

Cucinare al fresco


Arianna Augustoni, coordinatrice del progetto socio-editoriale ‘Cucinare al fresco’, spiega come è nata questa iniziativa che ha mosso i primi passi nel carcere del Bassone di Como.

2'MD

Un pericolo per l'acqua e i beni comuni


Marco Manunta ci segnala la necessità di preservare i nostri beni comuni. In particolare l’acqua, bene primario per eccellenza, rischia di di finire nelle mani di investitori e speculatori il cui unico fine è il profitto.

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.