Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.


La Nuova Tendopoli si trova nella Seconda Zona Industriale Corap. In realtà le attività industriali sono quasi inesistenti in questo luogo distante dal paese.
I migranti lavorano come braccianti agricoli.
L'area occupata è di circa 12.000 metri quadrati.
Ci sono tende fornite dal Ministero dell'Interno non sono sufficienti per accogliere tutti.
I migranti hanno costruito una settantina di baracche di fortuna all'interno dell'area. Prima dell'epidemia COVID-19, il numero di occupanti poteva arrivare a oltre 700. Attualmente, ospita circa 400 persone.
Il trasferimento dalla precedente tendopoli, in realtà una baraccopoli priva di servizi essenziali, è terminato di fatto con lo sgombero del precedente insediamento e l'abbattimento delle baracche avvenuto nel marzo del 2019. La vecchia tendopoli di San Ferdinando era stata realizzata dagli stessi migranti con baracche abusive e ospitava circa 1000 persone nei periodi di maggiore affluenza.

I migranti che hanno trovato posto nella Nuova Tendopoli si sono trasferiti lì, gli altri sono andati in centri di accoglienza o si sono dati alla fuga. La gestione della Nuova Tendopoli è stata trasferita dalla Prefettura al Comune di San Ferdinando anche se la Prefettura svolge costantemente tavoli tecnici insieme allo stesso Comune e alle forze di polizia.
Per i permessi di soggiorno è competente la Questura di Reggio Calabria. Per le domande di protezione internazionale è competente la Commissione Territoriale di Crotone. Crotone dista centosettanta chilometri da San Ferdinando.
Il 31 dicembre 2021 si è verificato un incendio nel quale sono andate distrutte quattordici baracche.

11/03/2022

Articoli Correlati

2'MD

Giustizia minorile e riforme


Paolo Ramondino sintetizza i temi sensibili che l’istituzione del tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie, imporrà di affrontare.

2'MD

Difendere il Consiglio Superiore della Magistratura


Valerio Savio affronta il tema della crisi del Consiglio superiore della magistratura, invitando ad una difesa dell'Istituzione attraverso una consapevole partecipazione.

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.