Ostinatamente aperti al confronto

Penale

Ostinatamente aperti al confronto


Il 14 luglio 2022 il Coordinamento delle Camere Penali della Regione Calabria ha proclamato l’astensione dalle attività. Sono stati diramati documenti di accesissima protesta, denunciando la deriva verso uno “stato d’eccezione” del processo penale, giustificato dal contrasto alla criminalità organizzata.


La Sezione di MD Reggio Calabria ha inteso sorvolare sugli aspri toni adoperati dall’avvocatura e si è dichiarata ostinatamente aperta al confronto come strumento di crescita per tutta la giurisdizione. Ha dunque risposto alle Camere Penali proponendo la creazione di uno spazio di incontro, per discutere insieme, con franchezza, su temi strettamente giuridici.


La concreta applicazione di alcune norme di c.d. doppio binario, infatti, è ancora oggetto di orientamenti contrastanti. Ma anche le norme di diritto processuale “comune” necessitano, nella prassi, di adeguamenti se applicate ai maxi-processi di criminalità organizzata.


Magistratura Democratica riconosce perciò l’utilità del dialogo, tra interlocutori che muovono da diversi punti di vista, nella comune cornice costituzionale.


Sono stati allora selezionati alcuni temi controversi su cui molto è ancora da dire – il rapporto con la stampa, il percorso dei collaboratori di giustizia, la gestione del fascicolo del p.m., la testimonianza della p.g. sulle intercettazioni, le misure cautelari, le misure di prevenzione. Ciascuno di essi sarà oggetto di un dibattito costruttivo, che vedrà la partecipazione di un magistrato, un avvocato, un professore universitario.


Gli incontri con l’avvocatura sono l’occasione per manifestare all’esterno l’attitudine di MD: a rinunciare ai preconcetti nonostante la delicatezza dei temi, a porsi all’ascolto di ogni domanda di giustizia, a riflettere insieme al contraddittore più ispido.


È il momento di dimostrare che, anche alle latitudini notoriamente difficili, è possibile dialogare sulle garanzie, animati da onestà intellettuale, con l’ambizione di realizzare una comune ricerca giuridica finalizzata al miglioramento del sistema.


Dopo decenni in cui il suo rapporto con il garantismo ha visto fasi alterne, Magistratura Democratica accetta la sfida – e non si accontenta, ma rilancia.

16/11/2022

Articoli Correlati

Ordinamento

Brevissima Storia di T.


<< Sembra surreale che un lavoro, come quello di magistrato, che dovrebbe essere fortemente orientato alla/dalla motivazione, ricco di curiosità innovativa e di impegno intellettuale per l’estensione degli ambiti di tutela dei diritti, attento alle specificità del singolo caso, caratterizzato da un’organizzazione orizzontale e non gerarchizzata, sia in corso di trasformazione verso paradigmi (o algoritmi) da “rider dei fascicoli” ossequienti ai “capisquadra">>

Penale

A margine di un processo per tortura


Il 20 aprile 2022  il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Torino ha disposto il rinvio a giudizio di ventidue persone, tra essi numerosi operatori dell’amministrazione penitenziaria accusati tra l’altro del delitto di tortura, commesso, stando all’accusa, in danno di persone detenute nel carcere di Torino; 

Politica e processi

I danni dell'«individualismo penale»

Riforma della giustizia, toghe 'star' e referendum: dal protagonismo di alcuni procuratori, che ne ha penalizzato il compromesso finale, alla proposta di riforma del processo penale, quale grande occasione persa. Ne parlano, in un'intervista, la nuova presidente e il nuovo segretario generale di Magistratura democratica.

La riforma cd. "Cartabia"

Dibattito sulla proposta di riforma della giustizia penale

A partire dalle ore 10:00 di sabato 24 luglio 2021, sull'applicativo Teams, si è tenuta la riunione del Consiglio nazionale di Magistratura democratica, convocato per discutere della proposta di riforma della giustizia penale cd. Cartabia.

venerdì 4 giugno 2021, ore 15:00/18:00 e sabato 5 giugno 2021, ore 10:00/13:00

Il ruolo del PM nella giurisdizione: attualità e prospettive

Venerdì 4 e sabato 5 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica dedicato al Pubblico Ministero e al suo ruolo nella giurisdizione, tra attualità prospettive.