Presentazione ordinamento giudiziario

Ordinamento

Presentazione ordinamento giudiziario

di Esecutivo di Magistratura Democratica

Il gruppo ordinamento giudiziario ha concentrato negli ultimi anni la sua attività sviluppando alcune iniziative che portassero alla realizzazione di documenti e incontri utili soprattutto in funzione del governo autonomo della Magistratura.

La riforma dell’ordinamento giudiziario ha segnato un punto di arrivo che ha imposto agli organi di governo autonomo uno sforzo di applicazione ed elaborazione della nuova normativa che richiedeva e richiede un ausilio dell’intero gruppo.

A questo riguardo due iniziative fondamentali hanno segnato la nostra attività.

La prima ha riguardato la creazione di uno stabile punto di riferimento per i componenti dei Consigli giudiziari eletti nell’aprile 2008 per la prima volta con le nuove norme previste dalla riforma per questi organismi; a queste elezioni MD si è presentata pressocchè ovunque col Movimento, anticipando quell’Area comune tra i due gruppi, che si è poi affermata e consolidata in altre competizioni elettorali.

Per questo, insieme al collega Ernesto Aghina, responsabile dell’ordinamento per il Movimento, e a Francesco Menditto è stata creata una mailing list Autogoverno Insieme; inoltre, sono stati effettuati tre incontri a Roma tra tutti i componenti eletti nelle liste anzidette per sviluppare un dibattito che fosse utile a costruire un luogo di aggregazione ed elaborazione comuni sui punti critici della riforma, anche attraverso un dialogo con i componenti del CSM e i magistrati componenti della Segreteria e dell’Ufficio studi del Consiglio. Di questi incontri sono stati sviluppati dei report, così come è stata curata un’elaborazione per argomenti dei temi più sviluppati e dibattuti sulla mailing list.

Quest’anno un gruppo ristretto di componenti dei Consigli giudiziari ha anche elaborato un documento di proposte in vista dell’emanazione della circolare sulle tabelle per il triennio 2012-2014.

La seconda iniziativa, curata insieme a Claudio Castelli e Francesco Menditto è consistita in una pubblicazione, realizzata a ridosso delle elezioni del CSM del luglio dello scorso anno, intitolata “Diritti, doveri e garanzie del magistrato”, che costituisce una sintetica rassegna dei temi di ordinamento giudiziario di maggior interesse anche pratico; a questa pubblicazione hanno partecipato con i loro contributi sui vari temi i colleghi Albamonte, Brancaccio, Bruti Liberati, Caputo, Castelli, D’Ancona, Diotallevi, Erbani, Fiorentino, Fuochi Tinarelli, Gilardi, Guglielmi, La Malfa, Magi, Marini e Patarnello.

Nel corso di quest’anno Diotallevi ha elaborato un documento sui fuori ruolo.

Infine, da poco insieme ad Ezia Maccora e con la collaborazione di Ilio Mannucci Pacini, Luca Minniti e Fabio Regolo è stato elaborato un documento propositivo per risolvere le problematiche relative ai magistrati ordinari in tirocinio ed a quelli che stanno esercitando le funzioni giudiziarie nella prima sede di destinazione su quattro punti fondamentali: tabelle, organizzazione, formazione e valutazione; è in fase di preparazione un incontro su questi temi da tenersi nel prossimo autunno.

Nel solco di queste iniziative si indirizzerà l’attività futura del gruppo.

10/08/2011

Articoli Correlati

Il DDL di riforma “Bonafede”

Contrastare la deriva carrieristica con la normalizzazione burocratica?

Il recente DDL “Bonafede” non segna la svolta in funzione del cambiamento culturale richiesto: quello volto a disegnare una magistratura “senza carriera” e una dirigenza non intesa come corpo separato all'interno della magistratura, ma come esperienza diffusa e come funzione reversibile. La riforma delineata dal DDL “Bonafede”, al contrario, rischia di allontanare la magistratura dalla sua fisionomia costituzionale e, al contempo, di trasformare il CSM in un organo di amministrazione e di governo del personale: un primo passo, questo, verso una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario e, dunque, verso la perdita del suo assetto funzionale ad una giurisdizione indipendente.

Riforme e autogoverno

CSM: una legge elettorale in funzione del suo ruolo costituzionale

Garantire rappresentatività alle diverse idee e visioni che si hanno della giurisdizione, abbandonando le logiche personalistiche; restituire il potere di scelta al magistrato elettore; allargare la partecipazione, smarcandola dall’ipoteca delle correnti; dare cittadinanza alle diverse professionalità, introducendo meccanismi di riequilibrio che assicurino una risposta alla questione, non più eludibile, della corretta rappresentanza di genere. Sono queste le proposte di Magistratura democratica per la riforma del sistema elettorale del CSM, elaborate all’esito di un percorso di riflessione collettiva avviato con il seminario del 3 giugno e proseguito nel Consiglio nazionale dell’11 giugno.

Dichiarazione dell’Esecutivo nazionale

Né Rosso né bigio ma giusto

È gravissimo che su quotidiani on line, incredibilmente ripresi da testate nazionali, sia stato pubblicato (con nomi cognomi e qualifiche professionali) un elenco di oltre 6.000 magistrati che prestano servizio presso gli uffici giudiziari italiani i quali sarebbero, incredibilmente, tutti iscritti a Magistratura Democratica

Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)

Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)