"Restituire dignità al lavoro"

Lavoro

"Restituire dignità al lavoro"

di Esecutivo di Magistratura Democratica
come invocato invano da Giuseppe Burgarella

ROMA - Il bisogno di lavorare, diritto e insieme dovere, è diventato tragico protagonista del vivere quotidiano di troppe persone. Lavoratori e lavoratrici disposti a mettere in pericolo la salute propria, quella dei familiari e dei concittadini, pur di lavorare, come il caso Ilva dimostra, e tanti altri sopraffatti dalla mortificazione di non aver più un lavoro e nessuna possibilità di trovarlo, di non poter sperare in una esistenza libera e dignitosa, quella promessa dalla nostra Costituzione, come è accaduto a Giseppe Burgarella e a coloro i cui nomi erano elencati prima del suo, nel foglio simbolicamente custodito in una copia della Carta del ’48.

Magistratura Democratica ha sempre considerato i diritti e le tutele dei lavoratori una fondamentale priorità del sistema democratico, ha fortemente criticato le modifiche normative che, aumentando in modo esponenziale la condizione di precarietà e la subalternità dei dipendenti al potere datoriale, finiscono direttamente o indirettamente per ledere il diritto al lavoro,la dignità dei lavoratori e del lavoro stesso.

Magistratura democratica auspica che il lavoro torni ad essere il fulcro di una riflessione e di un impegno capaci di prendere le distanze da un sistema votato alla centralità del profitto in un’ottica di finanziarizzazione dell’economia per  costruire su basi attuali un sistema che restituisca dignità alle vecchie e nuove forme di lavoro e che garantisca la tutela dei diritti fondamentali della persona; questo, in un contesto nazionale ed europeo capace di dare concretezza a quei valori che Giuseppe Burgarella ha invano invocato assieme al rispetto della Costituzione.

L'ESECUTIVO DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA

11 febbraio 2013

11/02/2013

Articoli Correlati

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.

Perfezionare la riforma Orlando

Al fianco della magistratura onoraria

Magistratura democratica esprime il suo sostegno ai magistrati onorari e alle loro richieste di una retribuzione più adeguata e di un regime previdenziale e assicurativo che riconosca alla magistratura onoraria lo status che merita.

Magistratura e politica

Il caso Brescia e i chiarimenti del Ministro

Ancora una volta assistiamo ad un cortocircuito, in cui si sovrappongono la reazione pubblica ad una decisione giudiziaria, la risonanza mediatica per un esito diverso da quello atteso e l’annuncio di iniziative del Ministro della Giustizia in relazione al contenuto di tale decisione. Ma, in questi casi, gli effetti del solo annuncio di iniziative in relazione al merito di una decisione giudiziaria rischiano di assomigliare ad un vero e proprio ammonimento della politica all'indipendenza della magistratura e all'autonomia, anche scientifica, del giudizio.

Associazione Nazionale Magistrati

La nuova Giunta unitaria

Con la ritrovata unità associativa si è realizzato un obiettivo che in questi mesi abbiamo sempre indicato come prioritario per avviare un percorso di profondo rinnovamento, in grado di coinvolgere e mettere in gioco tutta la magistratura associata in un progetto comune e condiviso: quello di dare linfa ad una nuova etica professionale e di ricostruire una comune identità collettiva, basata sui valori della Costituzione.