Rodotà lancia nuovo sito di Md

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Canale diretto con la società"

di Stefano Rodotà

Nel rinnovamento culturale della magistratura italiana ha avuto un ruolo particolare il superamento di quella che era stata definita come la sua “separatezza” dalla società. Si trattò di una scelta niente affatto retorica o di facciata. Si facevano crescere, insieme, responsabilità e trasparenza dell’azione giudiziaria. Soprattutto si ricomponeva l’unitarietà dell’ordine giuridico, fino a quel momento amputato della possibilità di riconoscere nella sua pienezza il ruolo proprio della Costituzione nell’amministrare giustizia.

Superamento della separatezza. E la separatezza veniva così rotta con il determinante contributo della più alta fonte giuridica, consentendo il collegamento con tutti gli interessi meritevoli di tutela, quali sono appunto riconosciuti e garantiti dalle norme della Costituzione. Non una operazione puramente volontaristica, dunque, ma il collegamento con la società attraverso la ricostruzione della legalità costituzionale. 

Reti sociali. L’approdo al nuovo mondo delle reti sociali può essere considerato come un rinnovato passo nella direzione della eliminazione della separatezza, creando un canale di comunicazione diretta con la società. Mi sembra una decisione opportuna, perché riprende le due questioni chiave della trasparenza e della responsabilità. Introduce, però, anche un elemento congeniale alla dimensione della rete, quello della possibilità del dialogo, della conoscenza e della condivisione. Di questo si ha bisogno per andare oltre le riflessioni chiuse o autoreferenziali, per avere un ascolto e uno scambio con l’opinione pubblica, ormai vitali per qualsiasi istituzione.Ma non siamo di fronte soltanto ad una migliore comunicazione con l’esterno.

Cambio di passo culturale. Non si può nascondere un dato di realtà, rappresentato da un inaridirsi della discussione, della elaborazione culturale da parte della stessa magistratura, eredità di un, ahimè, interminato tempo di aggressioni e conflitti che ha obbligato la magistratura ad una guerra di trincea che ne ha spesso esaurito le forze e l’attenzione. Nel momento in cui ci si apre istituzionalmente, questa attitudine non può essere più coltivata, sopravviene una sorta di vincolo esterno che obbliga ad un confronto continuo, ad una critica non celata, ad una verifica continua dell’adeguatezza degli strumenti adoperati. Non una generica modernizzazione tecnologica, dunque, ma un cambio di passo culturale.

07/07/2011

Articoli Correlati

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Il sollecito di Mattarella


La dirigenza di Magistratura democratica guarda con rispetto e attenzione alle indicazioni che il Presidente della Repubblica ha riservato al mondo della giustizia.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.

Comunicati

La testimonianza di David Sassoli

"L'Europa deve ritrovare l'orgoglio del suo modello democratico. Dobbiamo fermamente desiderare che questo modello di democrazia, di libertà e di prosperità si diffonda, che attiri, che faccia sognare e non solo i nostri stessi concittadini europei, ma anche al di là delle nostre frontiere."

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Tracciare una strada

Relazione scritta dell’intervento tenuto da Fabrizio Filice al Consiglio nazionale di Md dell’11 dicembre 2021.